Giovedì 06 Settembre 2018 - 18:45

Venezia 75, Leone alla carriera a Cronenberg: "Servono mostri di verità e arte"

Guillermo del Toro, che gli ha consegnato il premio: "Grazie per la strada che ha tracciato per chi crede nella poesia del proibito"

TOPSHOT-ITALY-CINEMA-VENICE-FILM-FESTIVAL-MOSTRA

La 75esima Mostra del cinema di Venezia ha reso omaggio a uno dei registi più audaci della settimana arte e lui dal Lido ha mandato il suo messaggio. "Questo Leone, d'oro e con ali, è un mostro dell'arte e della verità. È pesante e forte, ma può volare: ne abbiamo bisogno ora più che mai". David Cronenberg ha ricevuto il premio alla carriera da un emozionato Guillermo del Toro, che, se mai ce ne fosse ancora bisogno, lo ha consacrato come suo modello di ispirazione: "Cronenberg è un artista che ci permette di cogliere il nostro lato oscuro. Grazie per la strada che ha tracciato per chi crede nella poesia del proibito".

Loading the player...

La sua cinematografia allucinata e visionaria, intrisa di eros e thanatos, di sovrapposizione, spesso con-fusione, di reale e immaginario, ha regalato opere come Videodrome (1983), La zona morta (1983), La mosca (1986), Inseparabili (1988), La promessa dell'assassino (2007). Nel 1991, con Il pasto nudo, Cronenberg è stato in concorso al Festival di Berlino, dove nel 1999 ha vinto l'Orso d'argento con eXistenZ. Crash, Spider, A History of Violence, Cosmopolis e Maps to the Stars sono stati in gara per la Palma d'oro a Cannes, dove nel 1996 Crash ha vinto il Premio speciale della giuria.

In occasione del Leono d'oro alla carriera, il Lido ha proposto M. Butterfly (1993) su indicazione del regista canadese stesso, che lo considera tra i suoi film più personali, anche se meno fortunato di altri. Ambientato nella Pechino del 1964, racconta la vicenda del diplomatico francese René Gallimard (Jeremy Irons), che si innamora della cantante dell'Opera di Pechino Song Liling (John Lone), grande interprete della Madama Butterfly. Gallimard sacrifica la moglie, compromette la carriera, passa alla donna documenti riservati per salvare il figlio che crede di aver avuto da lei. Denunciato dal controspionaggio, al processo scoprirà che Song non solo è una spia, ma è anche un uomo. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Film festival di Roma - Red carpet del film "A Few Best Men"

Olivia Newton-John rivela di avere di nuovo il cancro: "Lo sconfiggerò"

Terza battaglia contro i tumori per l'attrice: "Mio marito è sempre lì al mio fianco per sostenermi, ce la farò"

Venezia 75, Italia a bocca asciutta: Leone d'oro a 'Roma', l'amarcord di Cuarón

Willem Defoe e Olivia Colman miglior attore e attrice, il premio per la miglior sceneggiatura va ai fratelli Coen

ITALY-CINEMA-VENICE-FILM-FESTIVAL-MOSTRA

Venezia 75, Andò firma una storia d'arte e mafia con Micaela Ramazzotti

Il regista sceglie la formula del metafilm per parlare del cinema e della sua capacità di indagare il reale

A New York, curvo sul suo bastone, un Burt Reynolds quasi irriconoscibile

Morto Burt Reynolds: l'attore nominato agli Oscar aveva 82 anni

Aveva interpretato il regista porno Jack Horner in 'Boogie Nights - L'altra Hollywood' (1997) di Paul Thomas Anderson