Lunedì 12 Febbraio 2018 - 12:15

Venezia 75, Giullermo del Toro sarà il presidente della Giuria internazionale

Nella scorsa edizione della Mostra aveva trionfato, vincendo il Leone d'Oro per "La forma dell'acqua - The Shape of Water"

Sarà il regista Guillermo del Toro a presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 75esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, che si terrà al Lido dal 29 agosto all'8 settembre 2018.

Il regista messicano ha vinto lo scorso festival di Venezia con il suo ultimo film, La forma dell'acqua - The Shape of Water, candidato a 13 premi Oscar e in arrivo nelle sale italiane dal 14 febbraio.

La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera. La Giuria internazionale del Concorso della 75esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia assegnerà, come ogni anno, il Leone d'oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-ENTERTAINMENT-MTV-MOVIE-TV-AWARDS

Black Panther e Stranger things fanno incetta di premi agli Mtv movie & tv awards

Sul palco anche James Shaw Jr., il 29enne che ad aprile ha fermato una sparatoria in una Waffle House nel Tennessee

Red Carpet serata premi David di Donatello 2018

Il cinema parla ancora al maschile, ma i film italiani fanno ben sperare

La ricerca di NUOVOIMAIE dimostra che la maggior parte dei ruoli interpretati al cinema sono destinati a uomini: solo il 35% dei personaggi sono femminili

Photocall del film Come un gatto in tangenziale

L'intrusa, Cortellesi, Marinelli e Servillo: tutti i premi della 58a edizione Globi d'oro

La stampa estera ha scelto le opere e gli attori migliori della stagione in corso del cinema italiano

GOlden Globe 2017

Vince Vaughn ci ricasca: arrestato per guida in stato di ebbrezza

Nel 2001 era finito dietro le sbarre per una rissa da bar nella quale era stato accoltellato il collega Steve Buscemi