Giovedì 10 Agosto 2017 - 18:00

Valsusa, è uscito dal coma il motociclista travolto dal furgone

Nell'incidente morì la sua giovane fidanzata Elisa Ferrero. Il conducente è in carcere con l'accusa di omicidio volontario

Valsusa, è uscito dal coma Matteo, il ragazzo travolto dal furgone a Condove

E' sveglio e cosciente dopo un mese di coma Matteo Penna, il motociclista 29enne travolto il 9 luglio scorso a Condove, nel torinese in Val Susa, da un furgone assieme alla fidanzata Elisa Ferrero, di 27 anni, morta sull'asfalto. Oggi è stata sciolta la prognosi: 120 giorni, salvo complicazioni. Il ragazzo, spiegano i medici della Rianimazione dell'Ospedale Cto di Torino diretta dal dottore Maurizio Berardino, "si è risvegliato dal coma e adesso è cosciente e sveglio dal punto di vista medico dopo più di un mese di sonno profondo".

Penna resterà in Rianimazione fino a Ferragosto, per poi essere trasferito nel reparto Unità spinale del Cto. La guarigione, spiegano i sanitari, "sarà lenta, ma rispetto qualche tempo fa ha il giovane ha fatto passi da gigante, oltre le aspettative". L'uomo che li ha investiti è in carcere con l'accusa di omicidio volontario.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti