Giovedì 26 Aprile 2018 - 16:45

Vaccini, battaglia Ue: "Basta morti, lotta a fake news e a no-vax"

La commissaria europea per la Salute Andriukaitis: "È scoraggiante vedere i bambini morire a causa della bassa aderenza"

Il 2017 è stato l'anno choc per il morbillo in Europa. La malattia infettiva ha ucciso 35 persone e ne ha colpite 21.315, cioè il 400% in più rispetto al 2016. E ora l'Europa ha lanciato la sua battaglia contro gli anti-vaccinisti e le fake news approvando un piano per sviluppare e attuare le vaccinazioni nazionali e regionali entro il 2020, con un obiettivo di copertura di almeno il 95 per cento per il morbillo, e combattere la disinformazione attraverso una "coalizione per scambiare buone pratiche". Di fatto è un manifesto contro le campagna No Vax. La commissione europea ha parlato, per quanto riguarda il morbillo, di un "focolaio senza precedenti" che causa morti di adulti e bambini.

Dura la commissaria europea per la Salute Vytenis Andriukaitis:"È scoraggiante vedere i bambini morire a causa della bassa aderenza, della riluttanza ai vaccini o della carenza di vaccini". La proposta della Commissione si concentra su alcune linee d'azione:  affondo contro la riluttanza nei confronti dei vaccini e miglioramento della copertura vaccinale. Strategie di vaccinazione sostenibili e coordinamento a livello Ue dell'azione dei governi.  Uno degli inviti pressanti agli Stati membri è attuare piani di vaccinazione nazionali e/o regionali entro il 2020, compreso un obiettivo di copertura vaccinale di almeno il 95% per il morbillo. Infine è stata chiesta la nascita di una "coalizione per la vaccinazione" per "sfatare i miti" perché, come ha detto Andriukaitis "non è una questione di opinione, è un dato di fatto, proprio come la Terra ruota intorno al sole".

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Un test per fotografare il cancro: la nuova frontiera della lotta alla malattia

L'esame sfrutta il 'Tumor Mutational Burden', un biomarcatore che misura le alterazioni molecolari

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa