Martedì 04 Settembre 2012 - 13:40

Università, studenti di Link Roma alla Sapienza contro numero chiuso

IMG

Roma, 4 set. (LaPresse) - Un gruppo di studenti e studentesse dell'associazione Link Roma, in concomitanza con l'inizio del test d'ingresso per la facoltà di medicina, ha manifestato questa mattina davanti all'Università La Sapienza, contestando il numero chiuso. I ragazzi hanno esposto uno striscione con la scritta "Profumo di chiuso, conTESTiamolo!" e hanno distribuito volantini simili a Gratta e Vinci, "Tenta la fortuna! Prova il test d'ingresso, la lotteria più in voga fra i giovani del nostro Paese".

"Sono anni - dichiara Diana Armento di Link Roma - che la nostra organizzazione si batte contro il numero chiuso e contro tutte le forme di barriere all'accesso, che limitano il diritto degli studenti di scegliere liberamente il proprio percorso formativo. Contestiamo - spiega - inoltre il metodo con cui avviene la selezione, sul quale anche gli esperti continuano ad esprimere forti critiche. Se proprio ci dev'essere una selezione, che avvenga in itinere, dopo che tutti siano stati messi nella condizione di frequentare i corsi".

"La battaglia contro il numero chiuso - aggiungono i partecipanti al flash mob - non si ferma qui: giovedì saremo presenti davanti alla facoltà di Architettura dove si svolgeranno i test e poi dalla prossima settimana in tutte le altre facoltà a numero chiuso. Gli atenei romani hanno imposto dei test d'ingresso quasi ovunque. Gli studenti e le studentesse di Link Roma saranno presenti per denunciare qual è lo stato in cui versa l'università pubblica e le politiche di restrizione all'accesso e di negazione del diritto allo studio".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

"Sei grassa": 12enne presa a pugni in faccia in classe

E' successo ad Augusta (Siracusa). Aggredita da un suo compagno davanti ad altri coetanei

Allarme sicurezza per le manifestazioni a Roma e Milano. Sgomberi in piazza Cairoli

Migliaia di agenti schierati e controlli in un sabato ad alta tensione. In piazza antifascisti e CasaPound, ma anche No vax e sindacati

Saronno, 30 anni per l'infermiera killer, a giudizio medico-amante 

Accusata di aver ucciso la madre e il marito in concorso con Leonardo Cazzaniga

Allarme morbillo, in un mese 2 morti e 164 casi. Lorenzin: "Bisogna vaccinarsi"

Due decessi a gennaio 2018. Dall'inizio del 2013 sono stati segnalati 10.320 contagi in Italia e 215 di rosolia