Martedì 29 Maggio 2018 - 13:15

Turismo, Venezia città più sovraffollata al mondo

Uno studio di Airbnb. Un turismo che si concentra in aree piccole e rischia di danneggiarle. Con l'affitto di appartamenti un impatto meno forte

Venezia, protesta contro le grandi navi in laguna

Nel 1959, data di lancio dei primi voli transoceanici, sono stati circa 25 milioni i turisti internazionali che in un anno hanno viaggiato nel mondo. Nel 2017, quella cifra è arrivata a oltre 1,3 miliardi. Ai ritmi di crescita attuale, l'Unwto prevede che gli arrivi internazionali nel 2030 supereranno i due miliardi. Inutile dire che, nello stesso periodo, le destinazioni non sono cresciute con gli stessi ritmi e quindi non sono in grado di accogliere del tutto questo numero di turisti. Questo dato, in sintesi, dà la dimensione del fenomeno - si legge in una nota - dell'overtourism o 'sovraffollamento turistico'. L''Healthy travel and healthy destinations', rapporto presentato oggi a Parigi e realizzato da Airbnb, mostra come Venezia sia la città del mondo - fra le nove regine del turismo mondiale analizzate - che più di tutte soffre questa situazione, con 73,8 turisti per abitante fra centro storico e terraferma e considerando l'escursionismo 'mordi e fuggi' di giornata. Ma mostra anche che non tutti i tipi di turismo sono uguali in termini di impatto sulle città (tra il 72 e il 93% degli annunci Airbnb nelle città analizzate sono fuori dalle aree sotto stress) e che un turismo 'sano' e meno invasivo porta a maggiori benefici per il territorio.

Il rapporto - continua la nota - analizza il ruolo della sharing economy nel turismo e, in particolare, mostra gli effetti di Airbnb sulle interazioni tra viaggiatori e destinazioni, approfondendo l'impatto, spesso benefico, che i viaggiatori hanno sulle città di destinazione e le loro economie. L''Healthy travel and healthy destinations' mette in evidenza come il sovraffollamento sia un problema critico, che riguarda soprattutto il centro città. La realtà lagunare, infatti, conta su una popolazione di 270.000 abitanti, di cui solo 50.000 persone vivono nella parte storica. La stima recente suggerisce che gli arrivi complessivi a Venezia potrebbero essere tra i 23 e i 28 milioni all'anno. Ebbene, considerando anche Mestre, meno del 3% dei turisti che scelgono la città lagunare ha prenotato il suo pernottamento tramite Airbnb. E se facciamo un parallelo con realtà come Amsterdam o Barcellona - sebbene il report analizzi solo i pernottamenti e non le visite giornaliere - scopriamo che l'impatto dei turisti che scelgono Airbnb sale rispettivamente al 12% e al 18% rispetto al totale dei viaggiatori.

Nel 2017, 470.000 visitatori provenienti da oltre 150 Paesi hanno soggiornato nel Comune di Venezia tramite Airbnb: questo significa che sono pari a 2,2 gli arrivi complessivi di Airbnb per abitante. Il modello Airbnb è scelto prevalentemente dai turisti che vogliono vivere la città come fossero 'cittadini temporanei', contribuendo positivamente allo sviluppo economico delle realtà in cui soggiornano. A Venezia i turisti che hanno scelto la piattaforma hanno speso complessivamente circa 54 milioni di euro. Senza considerare che, grazie ai soldi guadagnati con la loro attività, gli host - conclude la nota - hanno rimesso in circolo circa due milioni di euro spesi per migliorare le proprie case.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Estate, iniziano le prime partenze: 7,4 milioni in viaggio a giugno

L'analisi Coldiretti/Ixè. Le vacanze in questoperiodo più apprezzate anche da chi ama la tranquillità. I listini per l'alloggio e il vitto subiscono un'impennata da luglio

Porte aperte nelle dimore storiche italiane: la giornata dell'Adsi

L'iniziativa è l'occasione per scoprire luoghi di straordinaria bellezza, spesso poco noti al grande pubblico

La Basilica di San Pietro a Roma

Turismo, San Pietro e Duomo di Milano nella Top 10 mondiale di TripAdvisor

Guida la classifica il tempio di Angkor Wat in Cambogia

Bell'Italia, uno speciale alla riscoperta di Palermo

La città è in carica come Capitale Italiana della Cultura