Mercoledì 19 Luglio 2017 - 12:15

Tour de France, la foto shock di Poljanski: Le mie gambe a fine tappa

Anche il corpo di un grande atleta risente dello sforzo di una gara impegnativa come quella del Tour de France: lo dimostrano le vene in rilievo delle sue gambe

"Dopo sedici tappe penso che le mie gambe sembrino un po' stanche" scrive

Paweł Poljański sul suo profilo Instagram dove ha pubblicato una foto che sta facendo il giro del mondo. Le sue gambe gonfie, arrossate e le cui vene sono incredibilmente in rilievo mostrano l'altra faccia della medaglia dei campioni che si sfidano al Tour de France. Anche gli atleti, che sembrano invincibili e capaci di tutto, si stancano per una corsa di tre settimane e tanto impegnativa: il campanello di allarme per il ciclista polacco arriva proprio dal suo corpo, che evidentemente sta risentendo molto del continuo sforzo richiesto dalla Grande Boucle.

 

 

 

After sixteen stages I think my legs look little tired -- #tourdefrance

Un post condiviso da Paweł Poljański (@p.poljanski) in data:

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A.C. Milan, allenamento mattutino

Calcio, Milan ecco i soldi: Bgb Weston, 8 settimane per rifinanziamento

La mission dell'advisor è quella di trovare una banca o un fondo disposti a erogare denaro al club rossonero

Milan Games Week a Rho Fiera

Videogiochi alle Olimpiadi. Apertura del Cio: "Sono uno sport"

"Gli 'e-sports' rappresentano una piattaforma per un coinvolgimento nel movimento olimpico"

Motomondiale, le libere del GP di Silverstone 2017

MotoGp, Malesia: pole Pedrosa, Dovizioso terzo e Marquez cade e arriva settimo

Lo spagnolo della Honda ha firmato nelle qualifiche sul circuito di Sepang il miglior tempo. Quarto Valentino Rossi

Tangenti per Rio 2016: confermato l'arresto del presidente del Comitato olimpico del Brasile

Tangenti per Rio 2016: confermato l'arresto del presidente del Comitato olimpico del Brasile

Carlos Nuzman è accusato di corruzione e riciclaggio di denaro sporco, ma lui continua a negare