Domenica 19 Agosto 2018 - 09:00

Torino, 26enne uccide patrigno a colpi di pistola e poi chiama carabinieri

La discussione per futili motivi è iniziata a cena, il 26enne si è procurato una pistola e ha colpito il 59enne sparandogli più volte

Moschea di viale Jenner

Ha ucciso il patrigno a colpi di pistola e si trova ora in stato di fermo, piantonato all'ospedale di Chivasso. Domenico Gatti, 59 anni, è stato colpito nella sua casa in via Fantina 47 di Settimo Torinese, in provincia di Torino, dal figliastro C.C., 26 anni.

Il giovane era a cena dalla madre e il patrigno quando è scoppiata una discussione per futili motivi. A questo punto il 26 enne, secondo la ricostruzione dei carabinieri, è uscito di casa ed è ritornato dopo circa mezz'ora con l'intento di sparare. Ha esploso tre colpi, con una pistola cal.22, contro il patrigno, di cui due al torace e uno contro il muro della cucina. Gatti avrebbe reagito e il figliastro gli ha sparato altri sei colpi che lo hanno colpito al torace uccidendolo. Ad avvertire all'inizio i carabinieri la moglie della vittima, che è la madre del killer. Il fermo è avvenuto in strada a Settimo dopo che il giovane ha chiamato il 112.

La pistola è stata trovata in un campo vicino al luogo dell'omicidio: risulta rubata e il killer, secondo i primi accertamenti dei carabinieri, non abitava con la coppia. Soffrirebbe di disturbi della personalità, ma non sarebbe al momento in cura. Il fermo è stato effettuato dai militari dell'Arma e il giovane si trova piantonato all'ospedale di Chivasso. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione Osakue, cure al cortisone: l'atleta rischia di saltare gli Europei

La giovane campionessa nel lancio del disco, colpita a un occhio da un uovo, forse dovrà dire addio a Berlino per le norme antidoping

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione a Osakue, la Procura di Torino indaga per lesioni senza aggravante razziale

L'atleta azzurra, di origini nigeriane, colpita al volto da un uovo lanciato da un'auto in corsa. Non si esclude nessuna ipotesi dato che si sono verificati altri casi simili e le vittime non erano di colore

Champions League, panico a Torino in piazza San Carlo: tifosi della Juve in fuga

Torino, spray in piazza San Carlo: arrestato quinto componente della banda

Nel 2017 durante la proiezione della finale di Champions tra Juve e Real Madrid, scatenarono il panico causando la morte di una donna e il ferimento di oltre 1500 persone