Domenica 04 Marzo 2018 - 18:30

Tennis, Fognini trionfa a San Paolo. Sesto titolo in carriera

Nella finale del Brazil Open, battuto, in tre set il giovane cileno Jarry. Lo spezzino sale al diciannovesimo posto nella classifica mondiale Atp

TENNIS-ATP-BRA-VERDASCO-FOGNINI

Sesto titolo in carriera per Fabio Fognini, andato a segno nel Brasil Open, torneo ATP World Tour 250 dotato di un montepremi di 516.205 dollari che si è concluso sulla terra rossa di San Paolo, in Brasile. In finale il 30enne di Arma di Taggia, numero 20 del ranking mondiale e seconda testa di serie, ha battuto in rimonta per 1-6, 6-1, 6-4, in un'ora e 33 minuti di partita, il cileno Nicolas Jarry, numero 73 Atp, mai così avanti in carriera in un torneo del circuito maggiore.

Per Fognini si è trattato del primo da luglio dello scorso anno quando si era imposto a Gstaad. In carriera il ligure ha giocato 15 finali. Fognini è diventato anche il primo azzurro ad aggiudicarsi il Brasil Open dopo le sconfitte in finale di Volandri (2012), Lorenzi (2014) e Vanni (2015). Grazie a questo successo da lunedì guadagnerà un'altra posizione andandosi ad accomodare al 19esimo posto della classifica mondiale Atp.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Rogers Cup - Round 16

Toronto, trionfa Nadal. Battuto Tsitsipas in finale

Per lo spagnolo, numero 1 del mondo, è l'ottantesimo titolo in carriera. Partita combattuta: 6-2, 7-6

Rogers Cup - Round 16

Tennis, a Toronto Tsitsipas fa fuori Djokovic. Halep ok a Montreal

Sorprese nei due tornei (maschile e femminile) canadesi. Ok Nadal, Cilic e Zverev. Stop per Sharapova, Wozniacki e Wawrinka

TENNIS-GBR-WIMBLEDON

Toronto, passa Shapovalov in due set: l'ira di Fognini è incontenibile

L'italiano spreca l'occasione, si fa rimontare e se la prende con tutti

Foto tratta dal profilo Instagram di Fognini

Fognini, trionfo a Los Cabos: Del Potro ko. Terza vittoria nel 2018

Per il campione azzurro è l’ottavo successo nel circuito su 17 finali disputate: gliene mancano solo due per eguagliare il grande Panatta