Giovedì 28 Dicembre 2017 - 10:30

Susa, rifiuta di lavorare a San Silvestro: trasferita a 100 km di distanza

E' successo ad una dipendente dell'Eurospin

Si rifiuta di lavorare la domenica di San Silvestro e viene spedita in un'altra sede a 100 chilometri di distanza da casa. E' successo ad una dipendente del supermercato Eurospin di Susa, in provincia di Torino. La 40enne, secondo quanto riporta La Stampa, avrebbe solamente esercitato il suo diritto al riposo domenicale, previsto dal vecchio contratto a tempo indeterminato. Una presa di posizione non gradita dall'azienda, che, per tutta risposta, le dice di andare a lavorare per una settimana a Cuorgnè, con orari decisamente scomodi (16.30-20.30) per lei che dovrebbe tornare a casa in macchina.

Sul caso si sta ora muovendo la Cisl Fisascat. "Non è la prima volta che questo marchio della grande distribuzione si comporta in maniera ostile con chi non vuol lavorare la domenica e ha tutti i diritti per farlo - dichiara il referente torinese Sabatino Basile, sempre secondo quanto riporta il quotidiano -. Il fascicolo di questa vicenda è già stato consegnato ai nostri avvocati, perché non finisce certo qui".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Svolta a Torino, Appendino registra all'anagrafe il figlio di due madri

E' la prima volta che accade in Italia. Chiara Foglietta: "Scritta pagina importante della storia"

Presentazione 'Progetto e-Mobility Iren'

Torino, svolta Appendino: "Pronti a riconoscere coppie gay e loro figli"

L'annuncio dopo il caso dell'anagrafe che non ha registrato il bimbo nato con due madri

Addio a Luca Lunardi, proprietario dello storico Pick-Up a Torino

Era malato da tempo. Lascia la moglie Alina e due figli piccolissimi, Adelaide di sei anni e Pietro di tre

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Bardonecchia, il pm di Torino procede contro cinque doganieri francesi

Sono indagati per violazione di domicilio e perquisizione illegale. Spataro: "Non avevano diritto di fare il blitz"