Giovedì 24 Maggio 2018 - 10:15

Stelvio Cup, la via del mare

Al volante dell’Alfa Stelvio Quadrifoglio dal passo dello Stelvio a Montecarlo, attraversando il passo del Turchino per l’ultima tappa del grande raduno

Stelvio Cup 2018, una festa Alfa Romeo

Un colpo d’occhio incredibile. Ci saranno almeno cinquanta Alfa Romeo, Stelvio ma anche Giulia e 4C, sul piazzale ancora innevato del passo dello Stelvio. Una macchia di mille colori , con una forte prevalenza di rosso, spicca nel bianco accecante della neve al sole. Fa freddo, ci sono tre gradi, ma la giornata è molto limpida. Il tempo di un caffè. Le foto di rito. E poi via, la carovana si muove in direzione Milano, città natale dell’Alfa Romeo. Da Milano si fa rotta verso il passo del Turchino.

Nessuno di noi avrà mai la possibilità (e diciamolo: neppure la capacità) di girare con la Stelvio Quadrifoglio sulla pista del Nuerburgring, e quindi tanto vale godersi in tutta tranquillità e senza rischiare la patente l’itinerario turistico che attraversa le verdissime valli Borbera e Curone. Un’Italia meno pubblicizzata, che comunque è tutta da scoprire e, in questo caso da guidare. Sugli oltre 180 km che separano Milano dal Turchino la nostra Stelvio rivela un nuovo aspetto del suo carattere. E’ una grande stradista silenziosa e docile, ideale per portare a spasso tutta la famiglia. La tecnologia Torque Vectoring, con le due frizioni a controllo elettronico contenute nel differenziale posteriore, consente di gestire separatamente la coppia per ciascuna ruota. Il sistema di controllo attivo delle sospensioni (Alfa Active Suspension) assicura una guida “facile” anche quando ti lasci prendere la mano ed esci da una curva con quel filo di gas in più.

Loading the player...

Ed eccoci al passo del Turchino. Per arrivare a Montecarlo ci sono ancora più di 170 km e oltre due ore di guida. Se la statale fosse chiusa al traffico ci sarebbe veramente da divertirsi, perché il V6 di alluminio con i suoi 510 CV lo “senti” sempre pronto. Ma tant’è. L’andatura a “codice” ci ha fatto comunque apprezzare le infinite qualità di questo eccezionale suv, che muscoli a parte, ha tante altre qualità che ne fanno un punto di riferimento per questa blasonata categoria. La prima è sicuramente la docilità di guida: se non “spingi” si rivela “neutro” e facile da guidare. E poi il comfort di marcia: l’abitacolo perfettamente sospeso e insonorizzato, arredato con raffinata eleganza (un mix di pelle, alluminio e alta tecnologia), è un ambiente ideale per i lunghi viaggi. I sedili, anche quelli posteriori, sono un capolavoro di ergonomia.

Ci siamo. Ecco le prime luci di Montecarlo. Lasciamo la nostra Stelvio nel garage dell’Hotel Fairmont. Tutto è pronto per la festa di addio dell’Alfa Romeo. La Stelvio Cup 2018 è finita. Ma speriamo sia solo un arrivederci al prossimo anno. La Stelvio, e anche la Giulia, hanno sempre molto da dire…

Scritto da 
  • Daniele Cornil
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Piaggio, l'Ape festeggia 70 anni con il debutto in Cambogia

Un 'evergreen' che non passa mai di moda

Jeep, nuova Grand Cherokee Upland al debutto

Arriva in concessionaria il nuovo modello della famiglia Grand Cherokee. Con un aspetto più aggressivo e una dotazione di serie molto completa, la nuova Jeep si posiziona tra le versioni Laredo e Limited

Fca Heritage: "Classic Days" in Germania

Il Castello Dyck ospita uno dei più grandi eventi dedicati alle auto d’epoca. Schierata una scelta di sportive d’epoca italiane provenienti dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese

Fca e Atlantia per la mobilità innovativa

Le due aziende hanno siglato un accordo. È il primo passo di una partnership commerciale e tecnologica per offrire servizi di mobilità ai rispettivi clienti