Martedì 05 Giugno 2018 - 09:15

Starbucks, Schultz lascia la guida: nel 2020 potrebbe sfidare Trump

Potrebbe essere lui il futuro candidato democratico per la Casa Bianca

Starbucks shareholders meeting

"Mentre mi preparo a farmi da parte, vorrei umilmente ricordarvi di non perdere di vista quello che conta di più: i vostri colleghi e i nostri clienti". Sono le parole, affidate a una lettera ai dipendenti, con le quali dopo quasi quarant'anni ai vertici dell'azienda Howard Schultz lascia il suo ruolo di presidente esecutivo e membro del cda di Starbucks, per ricoprire a partire dal prossimo 26 giugno quello di presidente emerito. L'abbandono della più alta carica dirigenziale arriva al culmine di una avventura imprenditoriale che ha dello straordinario - sotto la sua leadership la società è passata da 11 a 28 mila punti vendita sparsi in 77 nazioni del mondo - e alla vigilia dello sbarco del marchio della sirena in una nazione dal forte potere simbolico, per chi vende caffè: l'Italia. Il primo Starbucks del Belpaese aprirà infatti a settembre a Milano, come annunciato dallo stesso Schultz - che ha sottolineato come l'ingresso in questo mercato avverrà "con umiltà e rispetto" - nel corso di una sua recente visita nel capoluogo lombardo.

"Ho deciso di costruire la compagnia nella quale mio padre, operaio e veterano della II guerra mondiale, non ha mai avuto l'occasione di lavorare", ha voluto ricordare ancora l'imprenditore al suo staff, ripercorrendo un cammino iniziato nel 1982 con l'ingresso in azienda in veste di direttore del marketing e coronato nel recente passato dal sedicesimo inserimento consecutivo di Starbucks lista delle aziende più ammirate del mondo, l'ultima volta in quinta posizione. Oltre che da un apprezzamento complessivo del 21.000% del titolo Starbucks a partire dalla quotazione in Borsa avvenuta nel 1992. "Insieme abbiamo fatto questo e molto di più - ha rimarcato Schultz - trovando l'equilibrio tra profitto e coscienza sociale, compassione e rigore, amore e responsabilità".

La società ha già reso noto che dopo il ritiro del capo azienda la presidenza del consiglio di amministrazione passerà a Myron E. "Mike" Ullman, con Mellody Hobson nel ruolo di vice. Per quanto riguarda il futuro del sessantaquattrenne Schultz, ricorda invece il New York Times, si accendono le ipotesi di una corsa alla presidenza degli Stati Uniti nel 2020, dal momento che l'imprenditore è stato spesso indicato come potenziale candidato democratico per la Casa Bianca. "Voglio pensare a una gamma di opzioni, che potrebbe includere il servizio pubblico. Ma sono ancora lontano dal prendere una decisione", ha risposto il diretto interessato a precisa domanda della testata newyorkese, non mancando di sottolineare di essere "profondamente preoccupato per la nostra nazione".

Scritto da 
  • Marco Valsecchi
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Forum Ambrosetti a Cernobbio

Tria: "Più crescita dalla manovra, inutile deficit se sale lo spread"

La parola d'ordine è 'gradualità': "Sarà equilibrata, non si può fare tutto subito"

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Manovra, Tria: "Ci sono margini per far partire insieme le tre riforme"

Flat Tax, reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero: "tutto verrà fatto, ma con gradualità"

Alibaba si unisce alla lotta per proteggere l'ambiente africano

Alibaba, Jack Ma lascia: "Farò il filantropo, inizia una nuova era"

Il fondatore del colosso e 19esimo uomo più ricco del mondo cambia vita

Musk durante l'intervista con il comico Joe Rogan

Tesla, lasciano due manager e il titolo crolla. Musk fuma erba in video

Terremoto in Borsa per la società, con perdite che hanno raggiunto il 10%