Sabato 09 Giugno 2018 - 11:00

Di barriere sociali si può ridere, la disabilità spiegata (con ironia) da chi ce l'ha

Parent Project onlus mostra ai ragazzi come abbattere le barriere sociali in uno spot divertente e originale

Raccontare la disabilità non è mai facile, ma realizzare uno spot che in pochi secondi riesca a sensibilizzare il pubblico sul tema lo è ancora di più. Eppure è questo il caso di Non è la solita pubblicità progresso, il nuovo cortometraggio di Parent Project onlus - l'associazione di pazienti e genitori di bambini e ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne e Becker - che in meno di due minuti riesce a parlare con voce alta e forte del tema dell'integrazione puntando su un registro raramente utilizzato in ambito sociale: l'ironia.

A dimostrare che potente mezzo sia la risata sono tre ragazzi: Luca Buccella, Lorenzo Santoni e Carlo Guglielmo Vitale. Appassionati di cinema con esperienza nel settore, sono affetti dalla distrofia muscolare di Duchenne, una rara malattia genetica che colpisce un maschio su 5mila, e sono stanchi delle pubblicità pietistiche e "deprimenti" sulla disabilità. Per questo hanno preso in mano la situazione e hanno deciso di utilizzare la propria voce per tentare di far crollare gli stereotipi su chi vive su una sedia a rotelle. "Volevamo mostrare - spiega Luca Buccella - la normalità di molti ragazzi affetti da disabilità, rifuggendo il pietismo che spesso infesta le pubblicità progresso. Anche un ragazzo disabile può divertirsi spensieratamente con i suoi amici, ridere e scherzare, come chiunque altro. Fin da subito, sapevamo di voler adottare un linguaggio e uno stile altrettanto spensierati per il nostro spot: un tono scanzonato e vivace che fosse in netto contrasto con le pubblicità progresso che siamo abituati a vedere in televisione". 

Loading the player...

Con la collaborazione tecnica di Arim video, Buccella, Santoni e Vitale hanno scritto e diretto insieme Non è la solita pubblicità progresso decidendo di portare un esempio pratico nello spot, rendendolo immediatamente intuitivo. Spesso i ragazzi con disabilità non vengono invitati alle classiche attività tra coetanei: che sia un cinema, una pizza o una serata in discoteca. Probabilmente nella maggior parte dei casi dietro a questa scelta non c'è cattiveria, ma ignoranza: un coetaneo sulla sedia a rotelle può venire a una festa? Può divertirsi? Non si sentirà in imbarazzo vedendo gli altri ballare?

A tutte queste domande risponde il protagonista di Non è la solita pubblicità progresso (interpretato dal quindicenne Jacopo Verardo, a cui si deve l'idea originale dello spot) che elenca ai suoi compagni di classe 3 buoni motivi per invitarlo alle feste di compleanno. Quello che ne esce è un video divertente e brillante che mostra come, spesso, le barriere del cuore e della mente siano più alte di quelle architettoniche, ma anche molto più veloci da abbattere se si cambia prospettiva.

Per la distrofia muscolare di Duchenne e Becker, come per molte altre malattie rare, non esiste ancora una cura. Ma mentre la medicina progredisce, grazie ai grandi traguardi che ogni anno compie la ricerca, c'è un'altra battaglia quotidiana a cui ognuno nel suo piccolo può contribuire: evitare di tirare su muri dove non ce ne sono. L'amicizia sa superare molte barriere: è importante darle la possibilità di sbocciare.

Scritto da 
  • Corinna Spirito
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

A Latina i Pediatric Simulation Games. Così i pediatri imparano a salvare vite

Per cinque giorni nella città laziale si "scontreranno" le squadre di 32 scuole di pediatria da tutta Italia. Metteranno in pratica le tecniche di salvataggio su manichini elettronici. Una giuria internazionale deciderà i vincitori

Vaccini, si cambia ancora. Autocertificazione valida fino a marzo 2019

Emendamento della maggioranza al Milleproroghe. Probabilmente si vuole dar tempo alle famiglie di mettersi in regola

Vaccini, petizione Unicef: "Proteggi un bambini, proteggili tutti"

L'organizzazione Onu lancia un appello alla vaccinazione di massa: Lìallarme sugli oltre mille casi di contagio di morbillo in sei mesi in Italia

Via libera alla terapia cellulare CAR-T contro linfomi e leucemia Lla

L'annuncio di Novartis che l'ha sviluppata con l'Università della Pennsylvania. E' la prima terapia cellulare contro i tumori in Europa. Ecco come funziona