Domenica 19 Novembre 2017 - 10:15

Si suicida il generale Guido Conti. Nell'ultima lettera: "Mi sento in colpa per le vittime di Rigopiano"

Si è tolto la vita con un colpo alla testa ed è stato trovato morto venerdì scorso a Sulmona

Rigopiano, si continua a scavare sotto la neve

"Da quando è accaduta la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vittime mi pesano come un macigno. Perché tra i tanti atti, ci sono anche prescrizioni a mia firma". Il senso di angoscia lo ha logorato e alla fine ucciso. Con un colpo alla testa si è tolto la vita l'ex generale dei carabinieri forestali Guido Conti, 58 anni, trovato morto venerdì scorso a Sulmona. Lo hanno trovato nella sua auto parcheggiata alle pendici del monte Morrone.

Ulteriori conferme sono arrivate dai carabinieri dell'Aquila, sia sul luogo della tragedia che dalle testimonianze rese da familiari e amici. Dopo il suicidio, sono state infatti trovate due lettere: in quella indirizzata ai suoi familiari, inviata all'AdnKronos, descriveva del suo senso di colpa e della disperazione quando parla della vicenda di Rigopiano.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio