Sabato 06 Gennaio 2018 - 14:45

Serie A, Mazzarri riaccende il Toro: buona la prima, tris al Bologna

Ottimo esordio per il nuovo allenatore Walter Mazzarri

Torino vs Bologna

L'Epifania tutte le feste porta via e forse anche i guai del Toro. E' buona, anzi buonissima, la prima di Walter Mazzarri sulla panchina granata. L'avventura del livornese, chiamato da Urbano Cairo per sostituire Sinisa Mihajlovic, parte con un successo, netto e meritato, sul Bologna: nell'anticipo dell'ora di pranzo dell'Olimpico Grande Torino arriva la scossa auspicata e finisce 3-0, frutto di una prestazione brillante e nella quale si è intravista la prima impronta del nuovo allenatore.

Ironia della sorte, nel tabellino finiscono due dei giocatori fortemente voluti dal suo predecessore: De Silvestri e il rigenerato Niang. A firmare il tris, il sempre prezioso Iago Falque. Tre punti che in casa Toro riportano la vittoria che tra le mura amiche mancava da fine novembre, un po' di serenità, più che mai necessaria dopo il terremoto post-derby culminato con l'esonero di Mihajlovic e che riaccendono il motore sulla strada verso l'Europa. Per Donadoni la pausa arriva come una benedizione: prestazione incolore dei suoi, praticamente mai pericolosi e capaci pure di sbagliare, con Pulgar, il rigore assegnato con il Var che forse avrebbe potuto cambiare i destini del match nel secondo tempo.

Mazzarri non azzarda subito la 'sua' difesa a tre e mantiene il 4-3-3 del suo predecessore Mihajlovic. Nel tridente d'attacco sempre privo dell'infortunato Belotti, Iago Falque e Berenguer supportano la prima punta Niang. Ljajic recupera ma parte dalla panchina. Modulo spregiudicato per Donadoni, che in avanti si affida al trio Verdi-Di Francesco-Palacio dietro Destro. La prima rete della gestione mazzarriana potrebbe arrivare dopo tre minuti: Berenguer lancia in verticale Niang che entra in area e spara alle stelle, forse anche per un rimbalzo anomalo.

L'approccio dei granata è arrembante e partorisce un'altra ghiotta chance, protagonista ancora il francese che va in spaccata sulla palla messa in mezzo da Molinaro ma calcia addosso a Mirante. Il Bologna prova a ripartire in contropiede ed in uno di questi rischia grosso Burdisso che, saltato da Palacio, se le cava con un giallo di esperienza. La punizione la calcia Verdi, Sirigu si distende e tocca in angolo. In panchina Mazzarri si sbraccia ed urla come un ossesso, in campo pressa alto e spinge il Toro, nuovamente pericoloso con Iago Falque che vede la sua conclusione sibilare accanto al palo.

I rossoblù si affacciano in area granata con Destro che non riesce a sfruttare l'ottimo assist di Destro. Ma nel complesso la squadra di Donadoni non riesce ad incidere, andando spesso in sofferenza. Cambio forzato per Mazzarri: Acquah rileva l'infortunato Obi. I granata la sbloccano pochi minuti dopo, con il piazzato di Berenguer che pennella verso il primo palo un traversone perfetto per la testa di De Silvestri: Mirante non ci arriva, 1-0 (39'). Vantaggio meritato. Tecnologia subito protagonista in avvio di ripresa. Molinaro stende in area Verdi, inizialmente Damato opta per la simulazione e il giallo per il numero 9 rossoblù.

La Var capovolge la decisione: ma sul successivo rigore, il primo assegnato al Bologna in questa stagione, Pulgar si fa ipnotizzare da Sirigu (4'). Giornata da incubo per il cileno, che perde un pallone sanguinosissimo sulla trequarti: Iago Falque recupera, premia l'inserimento in area di Niang che mette a sedere lo stesso Pulgar e infila Mirante di sinistro (8'). E' il secondo gol per il francese in campionato. Mazzata per le ambizioni di rimonta del Bologna, iniezione di entusiasmo nelle gambe dei granata. Ancora il rivitalizzato Niang, servito da Acquah, va a caccia del bis ma scivola al momento della conclusione. Poi è lo stesso ghanese a provare il destro dal limite di prima intenzione, senza fortuna, mentre poco dopo Mirante non ha problemi nel bloccare il tentativo da fuori di Berenguer.

I granata provano ad addormentare i ritmi con la gestione, gli ospiti non sembrano avere la forza di riaprirla. Mazzarri concede nei minuti finali la standing ovation per Niang, finalmente decisivo: in campo Boyé. Nel finale c'è gloria anche per Iago Falque che fa tutto da solo: riceve sulla trequarti, giunge al limite e scarica il sinistro che si infila nell'angolino. Triplice fischio tra gli applausi del pubblico granata: i fischi sentiti nelle ultime uscite sembrano già un ricordo lontano. Se sarà vera svolta, si vedrà.

Scritto da 
  • Attilio Celeghini
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Izzo dal Genoa al Toro: "Sono felice e carico, non vedo l'ora"

Il difensore a Torino per le visite mediche e la firma del contratto

Udinese - Bologna

L'Udinese resta in serie A. Brutta stagione, grazie Fofana

Un gol dell'ivoriano al Bologna chiude un girone di ritorno travagliato (11 sconfitte consecutive) e dà la salvezza alla squadra di Tudor

Genoa vs Torino

Iago-Baselli e Toro batte Genoa 2-1. Perin saluta Marassi

Il Genoa, salvo da tempo, chiude male la sua stagione con la quarta sconfitta consecutiva

Bologna - Chievo Verona

Supergol di Giaccherini. Il Chievo aggancia la salvezza

Il Bologna va in vantaggio, ma l'esterno ex Napoli s'inventa una rete straordinaria e Inglese ribalta il risultato