Sabato 10 Febbraio 2018 - 22:30

Sanremo, il ciclone Pausini travolge il Festival

Laura esce dall'Ariston e va a cantare sul red carpet con i fan

Festival di Sanremo 2018, serata finale

La regina della musica italiana nel mondo si è presa l'Ariston e tutta Sanremo. A Laura Pausini il palco non è bastato: ha voluto il contatto fisico con la gente, il calore, l’amore. Un abbraccio necessario, anche per proteggersi dalla laringite che l'ha costretta a rimandare l'appuntamento con i fan dall'apertura del Festival fino alla serata finale. Laura ha lottato con tutte le sue forze per non fare saltare una seconda volta il ricongiungimento con il luogo che ha segnato l'inizio della sua carriera: e ce l'ha fatta. Elegantissima, con un abito nero lungo tempestato di cristalli, ha illuminato il teatro con una voce che tante colleghe si sognano, laringite o no. “Non sono al top, ma pazienza”, in verità non è sembrato.

Ci teneva troppo ad esserci. Presentare su quel palco in anteprima mondiale il nuovo singolo 'Non è detto' per lei ha un valore speciale. E' proprio lì che è nata, artisticamente, nel 1993, quando quel “Marco se n'è andato e non ritorna più” è entrato nell'immaginario di un intero Paese. A 25 anni da quel giorno, non è stata sola a festeggiare la ricorrenza. C'era Baglioni, con cui ha cantato 'Avrai', e c'è stato all’improvviso un amico che avrebbe dovuto incontrare martedì. Se la malattia li ha allontanati, ci ha pensato la tecnologia a riunirli. Come aveva fatto lei la prima sera, questa volta è stato Fiorello a telefonare per salutarla, confermando così le voci di chi, in un modo o nell'altro, lo voleva ancora al Festival. Una linea invisibile che corre dalla prima all'ultima puntata del Festival, per un finale circolare.

Ma Laura è andata ancora oltre. I confini dell'Ariston le devono essere sembrati stretti. Voleva i suoi fan. Così Mentre cantava 'Come se non fosse stato mai amore' è scesa dal palco, si è infilata fra le poltrone, è uscita dal teatro e sul red carpet ha intonato il ritornello insieme ai suoi fan, passando loro il microfono. Un atto d'amore coraggioso, considerando le condizioni di salute. Ma cantare in mezzo alla gente , per la Pausini, è una medicina più potente di qualunque cortisonico.

Scritto da 
  • Chiara Troiano e Antonella Scutiero
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giffoni Film Festival 2016

Niccolò Agliardi: "Oggi sono cantautore senza vergogna"

L'artista dalle mille sfaccettature si racconta in 'Resto'

Real Time, appuntamento con il gran finale di "Festival Show"

Sul palco Benji e Fede, Chiara Galiazzo, Emma Muscat, Il Volo, Shade, The Kolors, Thomas. Martedì 11 settembre alle 21.10 su canale 31

LUCIO BATTISTI

Vent'anni fa la morte di Lucio Battisti, il poeta riservato che ha cantato un'epoca

Il 9 settembre 1998 se ne andava uno dei pilastri della musica italiana. Da 'Mi ritorni in mente' a 'Il mio canto libero', passando per 'Sì, viaggiare': troppi i successi che hanno influenzato generazioni

'O Mare Mio, Cannavacciuolo fa tappa ad Oneglia

Domenica 9 settembre alle 21:25 sul Nove l'episodio dedicato alle specialità del borgo ligure