Lunedì 14 Maggio 2018 - 08:45

Salone libro, E. Rossi: "Attualità Machiavelli per difesa libertà Ue"

Il governatore della Toscana a Torino con Massimo Cacciari e Michele Ciliberto

Torino, Salone Internazionale del Libro 2018

Da Machiavelli all'Europa. Per il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi il filo rosso fra il pensiero dello storico della 'ragion di Stato' e l'attuale situazione dell'Unione europea c'è. Ed è emerso in un confronto al Salone del libro di Torino dal titolo "Politica, ovvero l'arte dei pazzi", che ha visto seduti allo stesso tavolo il governatore toscano ed esponente di LeU Rossi, il filosofo Massimo Cacciari e Michele Ciliberto, che ha curato la ristampa completa delle  opere di Machiavelli realizzata da Bompiani e promossa dalla Regione Toscana. Un'occasione per discutere dell'attuale fase politica italiana ed europea, proprio mentre Lega e M5S erano alle prese con il contratto di governo.

"Il filosofo interruppe la scrittura dei "Discorsi" per scrivere "Il Principe" e lanciare un segnale all'unità dell'Italia contro le invasioni. Rileggerlo - ha ricordato  il governatore toscano - e mi fa pensare alla situazione che oggi vive l'Europa, stretta da un lato da Putin e dall'altro da Trump. In un mondo oramai organizzato per nazioni-continenti, l'Europa è il quadro di riferimento in cui si tutelano meglio gli interessi anche dei ceti popolari e dei lavoratori e la sua costruzione e difesa diventa un'idea e una questione cruciale da cui non possiamo, anche come sinistra, sottrarci".

Dopo una scherzosa premessa  "Machiavelli, si sa, è un classico. E i politici sono portati a strumentalizzare il pensiero dei classici", Rossi ha poi accennato "alla rilettura di Gramsci del moderno Principe, alla politica che guarda ai grandi temi e a quella che invece, a volte, si riduce ad una guerra tra bande in difesa di piccoli interessi".

Machiavelli e il suo Quattrocento calati nell'attualita dal governatore Rossi e salvati dal rischio di volgarizzazioni dal filosofo Cacciari, pronto a "smantellare il mito che la filosofia di Machiavelli si riduca all'aspro disincanto".

"Machiavelli fonda la ragione di Stato. Ma la ragione di Stato - sottolinea Cacciari - non è il comportamenti del 'Principe' per far durare il regime: è la conoscenza che lo Stato, per durare, deve avere un' intrinseca razionalità. Il 'Principe'  deve conoscere la logica del regime che governa".

"Nessun relativismo quindi in Machiavelli", è l'invito di Cacciari a maneggiare con cura il pensiero del filosofo e storico fiorentino
E il filosofo ed ex sindaco di Venezia, alla domanda se il Machiavellismo si possa ritrovare in questa fase politica italiana che vede protagonisti Carroccio e M5s taglia corto:  "Nulla a che vedere. Quello cui stiamo assistendo è un arrangiarsi per avere qualche potere, in un Paese che non ha né Principe, né Parlamento e che non ha più potere".

Per Cacciari, sollecitato a margine sull'attualità italiana, "i 5 stelle hanno dimostrato di non avere problemi: hanno promesso cose che non potranno mantenere, hanno demonizzato Salvini e Berlusconi fino all'altro ieri e ora fanno il governo insieme. Qui va bene tutto e nessuno chiede coerenza e logica".

Da Machiavelli una lezione oltre che per il Paese anche per la sinistra secondo Rossi: "Per  difendere e rinnovare la Repubblica 'è necessario ritirarla verso il suo principio', come dice Machiavelli, cioè la Costituzione. Per ricostruire la sinistra in questa fase e salvare la Repubblica dai rischi che essa sta correndo, non c'è niente di meglio da fare che partire dalla Carta Costituzionale, dai suoi principi, dal suo carattere progressivo che coniuga libertà e eguaglianza".
"C'è l'estremismo della Lega e poi ci sono i 5 stelle che non sono né di sinistra né di destra.- prosegue  - La sinistra deve tornare". Quella di Rossi è una analisi critica che ha per oggetto anche il renzismo e la sconfitta elettorale: "Il centro si è dissolto. Se la Sinistra non è altrettanto radicale rispetto all' estremismo di Lega e di M5s non ci sceglierà più nessuno".

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Premio Cairo 2018, la nuova prestigiosa giuria

Il 19° premio Cairo verrà assegnato il 15 Ottobre al Palazzo reale

Camilleri si racconta: "Quando pregai di non farmi senatore a vita"

Lunga intervista al romanziere su Vanity Fair

Festival Internazionale delle Letterature

Morto lo scrittore premio Nobel V.S. Naipaul: aveva 85 anni

Scrisse oltre 30 libri, molti incentrati sui traumi del cambiamento post-coloniale. L'Academy: "Era un circumnavigatore letterario dalla voce inimitabile"

Gallavotti vince premio Henri Poincaré per fisica matematica

È il primo italiano ad aver ricevuto il riconoscimento