Lunedì 01 Gennaio 2018 - 14:15

Saldi, al via tra domani e l'Epifania: aderiscono 280mila negozi

E il 47 per cento dei consumatori parteciperà

Regno Unito, i saldi del Boxing Day

Il 2018 parte all'insegna degli sconti. Tra domani e sabato inizieranno in tutta Italia i saldi invernali del nuovo anno. La prima regione a partire sarà la Basilicata, martedì 2 gennaio, cui seguirà la Valle D'Aosta il 3 gennaio. In tutte le altre regioni, le vendite di fine stagione scatteranno venerdì 5 gennaio, con l'esclusione della Sicilia che inizierà per ultima sabato 6 gennaio, in coincidenza con l'Epifania.

Particolarmente elevata - si legge in una nota di Confesercenti - l'adesione di negozianti e consumatori: a partecipare alle prossime vendite di fine stagione saranno circa 280mila attività commerciali, inclusi praticamente tutti i negozi di moda e di tessili, che praticheranno subito sconti del 30-40%. Interesse top anche tra i clienti: circa un italiano su due (il 47%) ha già deciso che approfitterà dell'occasione per fare almeno un acquisto, valutando di investire, in media, 150 euro a persona. Ecco il risultato dell'indagine sui saldi invernali condotta da Confesercenti in collaborazione con SWG (campione di 600 commercianti e 1.500 consumatori).

I CONSUMATORI. Oltre al 47% di italiani che hanno già deciso di partecipare ai saldi, c'è anche un altro 41% di nostri concittadini che valuterà le occasioni di risparmio prima di decidere se acquistare o meno. Intanto, chi ha già deciso di acquistare prevede in media un budget di 150 euro a persona, e l'86% si dice pronto a spendere come o più dello scorso anno. Si cercheranno, in particolare, scarpe: un nuovo paio è l'acquisto in saldo più desiderato dagli italiani, indicato dal 28%. Seguono i prodotti di maglieria (22%) e i pantaloni (14%). Alto l'interesse anche per i prodotti tessili e moda per la casa (9%) e per i capispalla, come giubbotti e giacconi, ricercati dal 7%.

I NEGOZI. In totale, aderirà ai prossimi saldi una su tre delle oltre 800mila attività commerciali italiane. Quest'anno sarà particolarmente alto lo sconto medio di partenza: il 56% dei negozi partirà con il 30%, mentre il resto praticherà riduzioni iniziali ancora più sostanziose, comprese tra il 40 ed il 50% del prezzo di cartellino. Sconti più sostanziosi del normale per sopperire ad un anno che, per il commercio moda, è stato ancora fiacco. Lo stato di persistente sofferenza del settore - fa sapere Confesercenti - risulta evidente dalle tante chiusure registrate durante l'anno: secondo le stime dell'Osservatorio Confesercenti, le imprese del settore tessile, abbigliamento, pelli, cuoio e calzature nel 2017 sono diminuite rispetto al 2016 dell'1,9%, pari appunto a 2.406 imprese. Tra le regioni, il calo più forte si registra in Piemonte (-3,2%), Trentino Alto Adige (-3,4%), Umbria (-4,2%) e Valle d'Aosta (-6,9%). Più contenuti i cali di imprese del Lazio (-1,1%) e della Campania (-0,9%). Tra le province, la maglia nera va a Terni, dove la diminuzione di negozi di moda tocca il -8,5%. Seguono la provincia d'Aosta (-6,9%), Pavia (-5,2%) e Padova (-4,9%).

"Quest'anno gli sconti di partenza saranno più alti della media, ed i saldi invernali somiglieranno un black friday 'sotto casa', solo più accessibile e di maggiore durata", spiega Roberto Manzoni, presidente di Fismo Confesercenti. "E in più con tutti i vantaggi del negozio tradizionale: conoscere i prodotti ed essere conosciuti dal commerciante, con cui si costruisce un rapporto di fiducia, e poter valutare toccando con mano i prodotti da acquistare. Un'occasione di risparmio per i consumatori, ma anche di vendita per le imprese, che cercano l'inversione di tendenza dopo l'ennesimo anno fiacco. Anche le vendite di Natale, seppure positive, sono state sotto le attese. E senza una ripresa sostenuta, il settore del commercio moda - conclude - continua a soffrire: nel 2017 sono spariti altri 2.400 negozi, più di 6 al giorno".

Scritto da 
  • Luca Rossi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Torino, cade pezzo di scenografia al Teatro Regio: feriti due coristi

L'incidente durante il secondo atto della Turandot

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello

"Fate troppo chiasso": sacerdote picchia bimbi durante l'ora di catechismo

E' accaduto in una parrocchia di Dragona (Roma Sud). Il religioso è stato denunciato