Domenica 29 Aprile 2018 - 12:45

Roma, tenta di sgozzare la moglie e si uccide: grave la donna

È successo a Ciampino, all'alba di domenica

Omicidio in vIa Settembrini a Milano

Ha aggredito la moglie, l'ha picchiata fino quasi a ucciderla, accoltellandola alla gola. Poi si è gettato dal terzo piano dell'appartamento in cui viveva con la vittima, a Ciampino, vicino a Roma.

È successo all'alba di oggi in via Francesco Baracca: la donna é stata ricoverata in codice rosso al Policlinico di Tor Vergata e sottoposta a un delicato intervento chirurgico. L'uomo è morto subito dopo esser precipitato sul terrazzo del garage della palazzina. Secondo una prima ricostruzione, l'aggressione sarebbe avvenuta al culmine di una lite tra i due coniugi, 37 anni lei, 42 lui, sposati da 4 anni.

L'uomo l'ha colpita più volte prima di tagliarle la gola con un coltello e gettarsi dalla finestra subito dopo, lasciando la moglie agonizzante a terra. La donna è riuscita a chiedere aiuto a una vicina: aveva il volto tumefatto per le botte ricevute e la profonda ferita alla gola non le permetteva di parlare. Trasportata in ospedale, è entrata in sala operatoria poco prima delle 7 e ne è uscita quattro ore dopo.

Ancora ignote le cause del raptus del marito che non aveva precedenti penali a suo carico. I due non avevano figli, e non sembravano avere problemi o difficoltà: lei si era trasferita da Catania, lui, romano, lavorava nel settore delle assicurazioni. Una giovane coppia come tante, fino all'orrore che polizia e soccorritori si sono trovati davanti dopo la chiamata arrivata alle 5.45 di oggi. In mattinata la polizia ha effettuato i rilievi nell'appartamento della coppia e sentito le testimonianze dei vicini dei due coniugi, compresa la donna che per prima ha soccorso la ragazza. Solo nei prossimi giorni gli inquirenti potranno sentire la versione della giovane che resta in prognosi riservata.

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, confiscati beni per oltre 18 milioni al clan Fasciani

Colpiti i presunti capi dell'organizzazione mafiosa, i fratelli Carmine e Terenzio

Stadio Roma, nuove ammissioni dal manager di Parnasi: "Lanzalone? Era il Campidoglio"

Interrogato dai pm Luca Caporilli, il dirigente stretto collaboratore del costruttore finito in manette

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Stadio della Roma, interrogatori e prime ammissioni: cresce numero indagati

Lanzalone, l'avvocato ex presidente di Acea, ha respinto ogni accusa. Per la procura: avrebbe aiutato Parnasi facendo gli interessi suoi anziché quelli del Comune