Martedì 04 Settembre 2018 - 15:30

Roma, è ancora emergenza: si staccano frammenti del Passetto di Borgo

Dopo il crollo del tetto della Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, sono caduti pezzi di tufo tra il Vaticano e Castel Sant'Angelo. Nessuno è rimasto ferito

Roma. Vaticano, cadono pezzi del muro dal Passetto di Borgo

Se non fosse una banale coincidenza temporale, quella della caduta di frammenti di muro nel 'Passetto' nella zona Borgo di Roma, sarebbe passata come una notizia di scarsa importanza. Invece, dopo il crollo del tetto della Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, al Foro e dopo il distaccamento di una parte di parete della rupe tarpea, sotto al Campidoglio, il cedimento dei frammenti di tufo tra il Vaticano e Castel Sant'Angelo assume un'altra rilevanza.

Intorno alle 8.30 pezzetti di tufo sono quindi rotolati a terra, costringendo i vigili del fuoco e i vigili urbani a transennare l'area e a delimitata al traffico ai pedoni da via del Campanile a via dell'Erba. Nessuno è rimasto ferito. Chiesto l'intervento del servizio tecnico Vaticano e della sovrintendenza.

Loading the player...

Il Passetto, noto anche come Corridoio di Borgo o, in gergo romanesco, "Coridore de Borgo", è il più lungo tratto rimasto delle mura che Leone IV fece erigere tra l'848 e l'852 d.C. per difendere l'area vaticana dalle eventuali invasioni saracene, creando una cittadella fortificata che dal nome del pontefice stesso prese il nome di Civitas Leoniana, ovvero Città Leonina. Soltanto nei secoli successivi, nel momento in cui le mura ebbero bisogno di restauri, fu realizzato all'interno del Corridore il lungo passaggio coperto che fila diritto dai palazzi apostolici alla fortezza di Castel Sant'Angelo. Meno certo l'artefice primo di questo corridoio: secondo alcuni fu Niccolò III nel 1278, secondo altri fu Bonifacio IX (1389-1404) che avrebbe iniziato i lavori, terminati poi dall'antipapa Giovanni XXIII, ossia Baldassarre Cossa.

Intanto per quanto riguarda il crollo del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, ha annunciato l'inizio dei lavoro con il Vicariato di Roma per fare sopralluoghi in tutte le chiese. "Mi interessa capire come mai sia successa una cosa che non ci aspettavamo", ha aggiunto. "Ne abbiamo parlato anche in cdm: serve il monitoraggio dei beni sotto tutela, non necessariamente del demanio", ha detto.

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Principio d'incendio alla fermata Metro A stazione Termini

Esplode villino a schiera a Santa Marinella: un morto

L'incidente sul litorale romano. La causa dell'esplosione potrebbe essere stata una fuga di gas

Crollo tetto Chiesa Roma: la messa in sicurezza delle opera d’arte

Crollo in chiesa, Bonisoli: "Mettere in sicurezza strutture statali"

Il Vicariato: "Cedimento inaspettato". E ora c'è l'emergenza pioggia: vigili del fuoco al lavoro per coprire il tetto sventrato

Fori Imperiali. Crollo del tetto della Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami in Clivio Argentario

Roma, crolla il tetto della chiesa San Giuseppe dei Falegnami. Il parroco: "Poteva essere una strage"

Tragedia sfiorata nella basilica a due passi dal Campidoglio. Nessuno è rimasto ferito