Martedì 12 Dicembre 2017 - 09:15

Riorganizzazione fascista: perquisiti militanti di estrema destra a Varese

Lo scorso novembre il movimento Do.Ra ha commemorato con i colori della bandiera nazista per i morti dell'esercito tedesco, e non era la prima volta

Corteo del movimento di destra Forza Nuova nellle vie del quartiere EUR

La polizia di Varese ha eseguito perquisizioni nei confronti dei militanti di estrema destra, di ispirazione skinhead, del gruppo del sodalizio 'Do.ra. Comunità militante dei dodici raggi'. Il blitz rientra nell'ambito di un'indagine per 'Riorganizzazione del disciolto partito fascista', sulla più numerosa e strutturata comunità nazionalsocialista italiana: l'operazione ha portato al sequestro preventivo della sede di Do.Ra, a Sumirago (Va), dove è stato trovato materiale d'area, simbologia del fascismo e del nazismo, armi bianche e strumenti atti all'offesa.

Inoltre, è stata sequestrata un gran quantità di materiale documentale e propagandistico del nazionalsocialismo, armi da taglio e improprie, emblemi e vessilli nazisti, cartucce a salve. Due le procure che indagano sul sodalizio per apologia di fascismo e odio razziale, quella di Varese e di Busto Arsizio. I fatti per cui sono scattate le indagini sono accaduti alla fine dello scorso anno quando, sul Monte San Martino di Duno, nel Varesotto, poco lontano dal Sacrario eretto in memoria dei caduti partigiani, una trentina di militanti di Do.ra. ha dato vita a una manifestazione commemorativa posizionando sul terreno una 'croce tiwaz' e una corona di alloro con i colori della bandiera nazista per ricordare i morti dell'esercito tedesco.

Analoga iniziativa è stata ripetuta lo scorso 18 novembre, sul Monte San Martino di Duno (Varese), poco lontano dal Sacrario eretto in memoria dei caduti partigiani, per ricordare i morti dell'esercito tedesco. "Eccoci! Ci accusavate di agire la notte... ma il San Martino è nostro dall'alba al tramonto. Ci troverete sempre qui, oggi come allora!": sono le parole scritte dai militanti di Do.ra per accompagnare le foto della manifestazione. Oggetto di indagine da parte della magistratura e della Digos è stata anche la petizione on line, organizzata provocatoriamente dall'associazione lo scorso gennaio per "chiedere la messa fuori legge dell'Anpi".

Loading the player...

La 'Comunità militante dei dodici raggi', fondato nel 2012 nel comune di Caidate, pur definendosi nell'atto costitutivo associazione culturale apartitica e senza fini di lucro, è chiaramente ispirata ai principi del nazionalsocialismo, come nota la Procura di Varese e come si può evincere dal sito. Lo stesso simbolo adottato, un logo che riporta in primo piano la scritta in colore rosso 'Do.ra.' (acronimo di dodici raggi), con sullo sfondo un frammento del 'sole nero è evocativo delle tradizioni religiose degli antichi popoli germani ma anche del misticismo nazista di cui si ritrova traccia nel mosaico presente nel Castello di Wewelsburg, come ricorda la polizia di stato in una nota.

Quest'ultimo, opera settecentesca ristrutturata per volontà del geranca nazista Heinrich Himmeler, è diventato famoso poiché luogo di riunioni e riti segreti ed esoterici ai quali era ammessa soltanto un'élite di ufficiali delle Ss. Sul loro sito i "ragazzi con il bomber nero", come si definiscono, ripercorrono la storia dei Varese Skinheads, nati nel 1993: "L'impronta da subito inconfutabilmente - scrivono - è quella di ispirazione nazionalsocialista e di matrice pagana". Gli anni, "quelli intorno al '95, sono anni grandiosi ma anche confusi". Arrivano poi i periodi più duri, "come quelli degli allontanamenti di membri più o meno importanti e quelli delle prime carcerazioni, anche con accuse molto gravi". E con questo anche "guai giudiziari, che ad oggi - si legge sul sito - hanno portato alla carcerazione di sei membri del gruppo e l'incriminazione per vari reati di quasi tutti gli altri".

Poi cinque anni fa "dall'unione con gli ultras 7Laghi nasce la Comunità militante dei dodici raggi con l'apertura di un fight-club e di una sede, base logistica per le attività dei due gruppi". Il territorio di influenza, spiegano, "è sempre stato molto limitato. Le città più grandi della provincia, Busto Arsizio, Tradate, Saronno, Gallarate gravitano nell'orbita di altre realtà o ne hanno una propria, il che fa di Varese qualcosa al di fuori del comune, se non altro per la dimensione". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, arresto ladri Banda della colla

Rapina in casa dei genitori di Salvini, presa la banda dei georgiani

Arrestati in 5. Lavorano in batterie e battono un città al mese. Affiliati alla mafia georgiana. Non sapevano di aver colpito la famiglia del vicepremier. Detti anche la "banda della colla"

Ritrovato in una cascina il corpo di Manuela Bailo

Scomparsa a Brescia, confessa l'ex amante: "L'ho uccisa io"

Appena tornato dalle vacanze in Sardegna ha portato gli inquirenti sul luogo dove ha sepolto il corpo ad Azzanello. Della donna non si avevano più notizie dal 29 luglio

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda