Giovedì 24 Agosto 2017 - 16:30

Scritte razziste contro l'arrivo di 15 migranti nel Piacentino

Poste anche balle di fieno davanti all'ingresso della struttura che ospita i minorenni

Piacenza, protesta e scritte razziste contro l'arrivo di 15 migranti - Foto tratta dal sito piacenzasera

Foto tratta dal sito piacenzasera.it

'Breno dice no ai neri, all'invasione e alle Coop'. È la scritta in vernice nera che si trova sul muro di cinta di una ex scuola a Breno, frazione di Borgonovo Val Tidone, in provincia di Piacenza, gestita adesso da una cooperativa che si occupa di migranti minorenni non accompagnati. La protesta - fanno sapere i carabinieri - è stata condotta da una decina di abitanti del paese a 22 km dalla città emiliana.

Nel mirino l'arrivo di 15 minorenni richiedenti asilo provenienti da Senegal, Sierra Leone, Ghana, Nigeria, Bangladesh, Gambia e Guinea. Poste anche balle di fieno agli accessi della struttura per cercare di bloccarli. Dopo alcune ore, grazie all'intervento delle forze dell'ordine, è tornata la calma e i ragazzi sono potuti entrare nella struttura.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cielo tra sole e nuvole, poi arrivano i temporali: il meteo del 22 e 23 luglio

Per i meteorologi del Centro Epson Meteo, tempo instabile da nord a sud. Settimana con caldo nella norma

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso