Mercoledì 13 Giugno 2018 - 10:45

Omicidio Avetrana, Misseri scrive alla mamma di Sarah: "L'ho uccisa io"

Lo zio della ragazza torna ad autoaccusarsi: "Tua sorella Cosima e Sabrina sono innocenti, non dare retta agli avvocati bugiardi"

Taranto, udienza processo per l'omicidio di Sarah Scazzi

Michele Misseri, il contadino di Avetrana, dopo diversi cambi di versione, torna ad autoaccusarsi dell'uccisione della nipote Sarah Scazzi. E lo ha fatto in una lettera inviata dalla prigione alla mamma della ragazza uccisa nell'agosto del 2010, con la quale chiede perdono per quello che dice di avere fatto. Al momento, la moglie di Misseri, Cosima, e la figlia Sabrina, stanno scontando l'ergastolo per l'omicidio. Misseri stesso si trova in carcere perché condannato ad otto anni di reclusione per l'occultamento del cadavere di Sarah.

La notizia della lettera, recapitata qualche giorno fa, è riportata oggi sulla edizione in edicola de La Gazzetta del Mezzogiorno. "Cara Concetta - scrive tra l'altro Misseri alla mamma di Sarah - perdonami, perdonami, perdonami per quello che ho fatto a Sarah. Sono stato io. Tua sorella Cosima e Sabrina sono innocenti! Lo capiresti subito se le vai a trovare, non dare retta agli avvocati bugiardi!"

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cadavere in fiume a Lubiana: è di Davide Maran, studente italiano

Il giovane 26enne originario di Cento era sparito da marzo

ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Guardia costiera e soccorso nel Mediterraneo Centrale: ecco come funziona

Quando e come devono rispondere a una richiesta di soccorso, di chi è la competenza, cosa sono la Sar e il place of safety

Chef Rubio: "'Cus cus clandestino' contro le bugie di Salvini per Soumaila"

A Milano il 3 luglio la serata di cibo e solidarietà organizzata dall'Usb. Lo chef senza peli sulla lingua: "Continuerò a dire ciò che penso a costo di rischiare la professione"

Operazione di salvataggio di 433 migranti al largo della costa libica

"Rivolgetevi a Tripoli". La prassi della guardia costiera italiana per le navi in acque libiche

Ecco cosa succede quando un'imbarcazione chiede soccorso all'Italia ma si trova nella zona di competenza di un altro Paese