Mercoledì 27 Giugno 2018 - 16:30

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti

Consiglio Regionale del Piemonte

Nulla è chiaro sulla candidatura italiana per le Olimpiadi invernali del 2026. Il motivo è semplice: il Coni non ha ancora scelto la 'host city' da presentare al Cio perché a sua volta il governo appena nato deve ancora decidere quale dei tre progetti abbracciare. Cortina, Milano e Torino, in stretto ordine alfabetico, sono in ballo ormai da mesi, con alcune sottili differenze: Cortina sta lavorando sottotraccia, Milano non ha bisogno di sbattersi troppo essendo favorita e preferita da molti, Torino giorno dopo giorno lascia spazio a un inconcepibile spettacolo di harakiri.

La opzione-Torino (accettata o rigettata, in questo senso ha poco rilevanza) sta mettendo alle corde la sindaca Chiara Appendino, ormai sempre più sola: non solo per i Giochi, ma anche per parecchio del resto. In suo aiuto, in realtà per se stesso, è sceso in campo Sergio Chiamparino, governatore della Regione che, snobbato dal palazzo della politica romana e in odore di ricandidatura, da un po' di tempo sta cercando in tutti i modi di ri-accreditarsi all'onor del mondo. Ci ha provato con la Tav, rivendicando la centralità della Regione Piemonte, ha compiuto la stessa operazione di immagine per le Olimpiadi. E come lo ha fatto? Rivangando romanticamente il successo del 2006 (quando indossava la fascia di primo cittadino) e chiedendo un incontro al sottosegretario Giorgetti. Come dire: io sì che sono in grado di fare prendere la deriva giusta al governo italiano, gli altri no.

Al di là dell'appuntamento e dell'esito dello stesso, non sono gli slanci a scoppio ritardato di Chiamparino a poter risollevare le sorti della Torino olimpica, quanto piuttosto la compattezza della maggioranza in Consiglio comunale. Ed è certo che l'incertezza e la fragilità mostrate sotto la Mole sono poco rassicuranti per chi deve decidere. Anche perché le alternative esistono e sono di ottimo livello.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Nomine Rai, Salini in pole per diventare ad. Più vicina intesa M5S-Lega

L'ex direttore di La7 è il più quotato per la nomina. A discuterne, per i Cinquestelle Spadafora con la supervisione di Davide Casaleggio. Per il Carroccio c'è Giorgetti

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio