Giovedì 04 Gennaio 2018 - 12:15

"Ok ai sacchetti portati da casa purché siano monouso e idonei per alimenti"

Il Ministero della Salute interviene nella polemica sugli shopper biodegradabili e apre ai consumatori. La questione in 10 punti

Sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati

"Non siamo contrari al fatto che il cittadino possa portare i sacchetti da casa, a patto che siano monouso e idonei per gli alimenti". A spiegare la posizione ufficiale del Ministero salute sul 'caso' dei sacchetti bio per frutta e verdura è Giuseppe Ruocco, segretario generale del dicastero guidato da Beatrice Lorenzin.

La questione dei sacchetti continua a suscitare dibattito in rete. Ecco un riassunto per punti

1) La legge (

nella conversione in legge del  decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91) prevede l'utilizzo dei sacchetti biodegradabili per alimenti e dice che "non possono essere distribuite a titolo gratuito".

2) La norma dipende da una direttiva europea che invita i Paesi Ue a ridurre l'enorme quantità di sacchetti di plastica (10 miliardi all'anno in Europa) che vengono immessi con gravi danni nell'ambiente.

3) La questione non riguarda tanto se sia giusto o meno usare i sacchetti biodegradabili al posto della plastica non biodegradabile, ma le modalità decise dal Ministero.

4) In particolare la polemica insiste sull'obbligo di pagarli (da 1 a 5 centesimi oltre il valore della merce) e sul divieto di acquistarli per conto proprio e portarseli da casa.

5) Ci si chiede perché i commercianti non possano continuare a darli gratuitamente come facevano prima con quelli di plastica. Il motivo (trasparenza) non sembra trovare accoglienza nei consumatori. Molti hanno cominciato a farsi prezzare arance, cipolle e zucchine a una a una per non pagare il sacchetto. Lo stesso Codacons ha minacciato questo tipo di protesta.

6) Le associazioni di consumatori (Codacons e Unione Nazionale Consumatori) hanno valutato fino a 50 euro all'anno la spesa per famiglia per i sacchetti biodegradabili. E qualcuno ha parlato di "tassa occulta". L'Assobioplastica (Associazione dei produttori dei sacchetti) ha risposto che si tratta, al massimo di 4,5 euro a persona. In generale, i consumatori chiedono la possibilità di portarsi i sacchetti da casa e quella di permettere ai commercianti di dare i sacchetti a titolo gratuito.

7) In rete c'è molta discussione e circolano anche evidenti "bufale" come quella secondo la quale i sacchetti sarebbero prodotti da un'unica ditta (la Novamont) che fa capo a Catisa Bastioli che sarebbe una sostenitrice di Renzi. Sul punto ha risposto Legambiente dicendo che non esiste il monopolio Novamont perché in Italia (la bioplastica Mater-Bi è stata inventata da noi) ci sono diverse aziende che la producono e la commercializzano in tutto il mondo.

8) La stessa Legambiente dice che la questione dei sacchetti monouso si può facilmente superare semplicemente con una circolare ministeriale che permetta in modo chiaro, a chi vende frutta e verdura, di far usare sacchetti riutilizzabili, come ad esempio le retine, pratica già in uso nel nord Europa. O anche, dice l'Unione Nazionale Consumatori, i sacchetti biodegradabili, in quanto compostabili, potrebbero essere riutilizzati dai consumatori per la raccolta differenziata dei rifiuti.

9) Sempre Legambiente ricorda che:

"Da sempre i cittadini pagano in modo invisibile gli imballaggi che acquistano con i prodotti alimentari ogni giorno. Nessun produttore o nessuna azienda della grande distribuzione ha mai fatto ovviamente e naturalmente beneficenza nei confronti dei consumatori. Unica differenza, è che questa volta il costo è visibile, perché l'obiettivo della norma è aumentare la consapevolezza dei consumatori su un manufatto che se gestito non correttamente può causare un notevole impatto ambientale".

10) In conclusione, il chiarimento del ministero a proposito dei sacchetti che si potranno portare da casa, sembra risolvere almeno una parte del problema.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie

Cernusco sul Naviglio, il luogo del lancio del sasso sulla statale

Piacenza, barista aggredita e violentata: 34enne arrestato a Milano

L'aggressore, non ancora identificato, ha sorpreso la donna mentre stava chiudendo il bar

Camera dei Deputati - Interpellanze urgenti

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"