Domenica 24 Giugno 2018 - 15:45

Lotta all'obesità infantile: il Regno Unito vieta il junk food alle casse

In Italia il problema è in calo, ma il dato resta tra i più alti in Europa

I dolci, gli snack e il cosiddetto 'junk food' venduto vicino alle casse dei supermercati sarà presto vietato nel Regno Unito. Lo prevedono le nuove proposte governative per dimezzare l'obesità infantile entro il 2030.

I dati europei confermano che l'obesità infantile resta un rilevante problema di salute pubblica e mostrano variabili importanti da Paese a Paese. A distanza di 10 anni dalla prima rilevazione europea, si osserva che la prevalenza di sovrappeso e obesità si è ridotta in Grecia, Italia, Portogallo e Slovenia, tende alla riduzione in Irlanda e Spagna, è stabile in Belgio, Repubblica Ceca e Norvegia, mostra una tendenza all'aumento, talora per sottogruppi della popolazione infantile (per genere) in Lituania, Lettonia e Bulgaria.

Per quanto, sottolineano gli esperti, il dato italiano sia migliorato, la prevalenza di sovrappeso e di obesità tra i bambini di 6-9 anni del nostro Paese resta tra le più alte in Europa: maschi 42% in sovrappeso dei quali 21% obesi; femmine 38% in sovrappeso 38% delle quali 14% obese. I dati vengono forniti dal Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute (Cnapps) dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss).

Il lavoro da fare è ancora molto: se l'obesità è il prodotto di familiarità, abitudini alimentari incongrue e scarso movimento, "appare evidente che il problema non è iniziare precocemente una dieta ipocalorica ma aiutare il ragazzo a modificare il proprio stile di vita", sottolineano gli esperti dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

L'approccio ritenuto più corretto è rappresentato dallo stimolo al movimento - sport aerobico e movimento spontaneo - associato a una corretta alimentazione. Su quest'ultimo fronte i pediatri consigliano di: iniziare la mattina con una buona colazione; prevedere due spuntini, uno a metà mattina e uno il pomeriggio , preferibilmente a base di frutta; mangiare verdura a pranzo e cena; scegliere nei pasti principali un solo alimento con la lettera P (pasta o pane o patate).

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

A Latina i Pediatric Simulation Games. Così i pediatri imparano a salvare vite

Per cinque giorni nella città laziale si "scontreranno" le squadre di 32 scuole di pediatria da tutta Italia. Metteranno in pratica le tecniche di salvataggio su manichini elettronici. Una giuria internazionale deciderà i vincitori

Vaccini, si cambia ancora. Autocertificazione valida fino a marzo 2019

Emendamento della maggioranza al Milleproroghe. Probabilmente si vuole dar tempo alle famiglie di mettersi in regola

Vaccini, petizione Unicef: "Proteggi un bambini, proteggili tutti"

L'organizzazione Onu lancia un appello alla vaccinazione di massa: Lìallarme sugli oltre mille casi di contagio di morbillo in sei mesi in Italia

Via libera alla terapia cellulare CAR-T contro linfomi e leucemia Lla

L'annuncio di Novartis che l'ha sviluppata con l'Università della Pennsylvania. E' la prima terapia cellulare contro i tumori in Europa. Ecco come funziona