Giovedì 30 Marzo 2017 - 13:45

Nba, Golden State vince a San Antonio, Westbrook super contro Orlando

38/a tripla doppia stagionale per l'asso dei Thunder, Warriors ok anche senza Durant

Nba, Golden State vince a San Antonio, Westbrook super contro Orlando

Nonostante l'assenza di Kevin Durant Golden State rinforza il proprio primato a Ovest espugnando il parquet di San Antonio (110-98) trascinata dal proprio leader Steph Curry, autore di 29 punti e 11 assist. I Warriors recuperano dal -22 del primo quarto e trionfano 110-98, anche grazie ai 23 di Klay Thompson e ai 15 di David West. Inutili per gli Spurs i 19 punti di Leonard. Uno strepitoso Russell Westbrook, che infila la 38/a tripla doppia stagionale con tanto di record per punti segnati nella storia dell'Nba (57) - con 13 rimbalzi e 11 punti - piega le resistenze di Orlando regalando il successo all'overtime (114-106) ai suoi Thunder.

Nelle altre gare disputate un ottimo Marco Belinelli da 21 punti e 5 assist è il miglior realizzatore di Charlotte nel successo contro Toronto (110-106) che permette agli Hornets di restare in corsa per un posto ai playoff. I canadesi si arrendono nel finale nonostante i 28 punti di jj . Milkaukee la spunta in un finale tiratissimo contro Boston (103-100) mentre i Clippers battono in casa Washington (133-124) e continuano a insidiare il quarto posto di Utah. Sugli scudi tutte le stelle di Los Angeles, da Redick (31), fino al duo Paul-Griffin (53 punti complessivi). Nella corsa ai playoff a Est sale Miami (105-88 a New York), mentre scende Indiana (ko 110-97 contro Memphis). Colpo esterno di Atlanta a Philadelphia (99-92), mentre Dallas cade a New Orleans (121-118).
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Asian Games, scandalo luci rosse per quattro atleti giapponesi

Notte con prostitute per i cestisti. Grande imbarazzo per il Paese

LeBron James a Pechino durante il suo Tour in Cina

LeBron James contro Trump: "Usa lo sport per dividerci"

Il nuovo cestista dei Lakers non condivide la politica del presidente degli Stati Uniti