Sabato 23 Dicembre 2017 - 10:15

Napoli, Sarri all'esame Sampdoria contro l'allievo Giampaolo

Una sfida che si preannuncia affascinante, ma anche ricca di insidie per gli azzurri

Vietato fermarsi. Chiusa con successo la parentesi Coppa Italia, il Napoli di Maurizio Sarri torna a pensare al campionato e alla sfida di oggi pomeriggio del San Paolo contro una delle squadre più ostiche di questa stagione: la Sampdoria di Marco Giampaolo. Il maestro contro l'allievo, stili e filosofie di gioco simili per Sarri e Giampaolo per una sfida che si preannuncia affascinante, ma anche ricca di insidie per gli azzurri: nonostante gli ultimi risultati negativi (3 sconfitte nelle ultime quattro partite stagionali), la Samp è ancora saldamente al sesto posto in classifica con 27 punti, ha ancora una partita da recuperare (contro la Roma) e in stagione ha già battuto diverse squadre blasonate, tra cui la Juventus di Allegri 3-2 allo stadio Marassi lo scorso 19 novembre.

FORMAZIONE TIPO - Ecco perché Sarri non lascerà nulla al caso ed è pronto a rilanciare in blocco l'intera formazione titolare: in porta torna Reina, in difesa solito pacchetto composto da Hysaj, Albiol, Koulibaly e Mario Rui; a centrocampo mediana di qualità e quantità formata da Jorginho (in leggero vantaggio su Diawara), Allan e capitan Hamsik e in attacco spazio al consueto sul 'tridente dei piccoli' Callejon-Mertens-Insigne, quest'ultimo match winner martedì scorso in Coppa contro l'Udinese.

LORENZO AL PIPITA - E proprio l'attaccante di Frattamaggiore è stato protagonista oggi di una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, dove ha parlato sia della lotta scudetto ("Può essere l'anno buono per noi"), ma soprattutto dell'esultanza polemica di Gonzalo Higuain dopo il gol al San Paolo: "L'ho trovata una mancanza di rispetto per città e compagni: prima dice di essere un nostro amico, ci invia messaggini alla vigilia e poi ci esulta in faccia? Mi è dispiaciuto e gli ho risposto per le rime...", ha ribadito Insigne nell'intervista, segno di un rapporto ormai chiuso tra il Pipita e la società partenopea.

CASA SAMP - Tornando alle questioni di campo, in casa doria Marco Giampaolo ha parlato nella consueta conferenza stampa di vigilia, dove si è soffermato sia sulla forza dei partenopei sia sul ritorno in città di Quagliarella: "Il Napoli ha una percentuale altissima di possesso palla, è spesso padrone del campo e noi dovremo adeguarci. Quagliarella? Fabio ha subito quel fraintendimento e quindi pativa il giocare al San Paolo: ora che è 'riabilitato' agli occhi della gente spero che sia libero mentalmente per fare una grande partita". Domani non saranno del match sia Linetty che Alvarez, mentre l'ex Zapata è regolarmente convocato ed è in ballottaggio serrato con Caprari per una maglia da titolare. Calcio d'inizio alle ore 15.00 e gara che sarà arbitrata dal signor Massa di Imperia.

PROBABILI FORMAZIONI

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri.

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, G. Ferrari, Strinic; Barreto, Torreira, Praet; Ramirez; Quagliarella, Caprari. All. Giampaolo.

Arbitro: Massa di Imperia.

Scritto da 
  • Vincenzo Guarcello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Albiol carica il Napoli: "Pronti per la nuova stagione, Ancelotti un vincente"

E su Fabian Ruiz: "Con lui la squadra guadagnerà tantissimo"

Mondiali Russia 2018,  Argentina vs Croazia

Calciomercato, Liverpool su Dybala. Felipe Anderson al West Ham

I Reds sono pronti all'assalto alla stella della Juve. Il brasiliano della Lazio vicino alla firma con gli Hammers

FBL-WC-2018-MATCH49-URU-POR

Calciomercato, Juve-Ronaldo in stand-by: Mendes al lavoro. Intrigo Benzema

Il procuratore portoghese vuole abbattere il muro sollevato dal Real Madrid, i bianconeri sono ottimisti. Intanto Ancelotti sogna l'attaccante francese

Genoa vs Spal

Il Napoli piazza un tris di acquisti: ecco Fabian Ruiz, Meret e Karnezis

Ora si lavorerà sul fronte cessione, per sfoltire l'organico e dare ad Ancelotti una rosa compatta e non eccessivamente lunga