Domenica 09 Settembre 2018 - 14:45

MotoGp, magico Dovizioso conquista Misano. Marquez secondo

Battuto anche Crutchlow. Cade a due giri dalla fine Lorenzo, settimo Rossi

TOPSHOT-MOTO-PRIX-ITA-SMR

La prima volta di Andrea Dovizioso a Misano fa sorridere anche Marc Marquez. Il forlivese trionfa al Gran Premio di San Marino sul circuito che mai lo aveva visto salire sul gradino più alto del podio. Il leader del Mondiale strappa un preziosissimo secondo posto in un weekend che poteva recare più di un'insidia e pone un altro mattoncino sulla strada verso il titolo.

Ducati davanti a tutti, come ci si immaginava. Ma non quella di Jorge Lorenzo, che vive un epilogo amarissimo: scattato dalla pole e grande favorito per il successo finale, lo spagnolo cade a due giri dalla fine, andando largo alla curva 8, quando era in lotta per il secondo posto e stava creando dei grattacapi al compagno di squadra fino a lì dominatore della gara. Dovizioso, che a Misano, gara di casa per il team di Borgo Panigale, aveva collezionato solo un terzo posto, lo scorso anno, infila Lorenzo al quinto giro e si regala una domenica indimenticabile centrando il terzo successo stagionale. Sul podio sale anche Crutchlow (Lcr Honda), che ringrazia la caduta del maiorchino. Gara invece anonima per Valentino Rossi che chiude al settimo posto, incapace di tenere il passo gara di quelli davanti: purtroppo non più una novità. Fa meglio del 'Dottore' la Yamaha di Maverick Vinales, che chiude quinto.

Ai piedi del podio lo spagnolo Alex Rins (Suzuki), Dani Pedrosa (Honda) è sesto. Ottavo posto per Andrea Iannone (Suzuki), completano la top ten Alvaro Bautista (Ducati Angel Nieto) e Johann Zarco (Yamaha Tech3). In classifica generale Marquez consolida il primato salendo a quota 221: lo spagnolo ha ora 67 punti di vantaggio su Dovizioso e 70 su Rossi quando mancano sei gare al termine della stagione. Con i successi di Dalla Porta in Moto3 e Bagnaia in Moto2, l'Italia centra una magica tripletta sul circuito adriatico. "Non mi aspettavo di vincere in questo modo", ha confessato Dovi. "Ma abbiamo fatto tutto in modo perfetto, sin dai test abbiamo lavorato molto bene arrivando qui con una base molto buona. Sono contentissimo perché abbiamo fatto tutto alla perfezione ed era l'unico modo per vincere. Lorenzo era fortissimo e battere Marquez è sempre difficile. Sono contento anche perché - ha aggiunto - non avevo mai vinto a Misano".

Sogno realizzato con una vittoria non certo frutto del caso. "L'obiettivo era partire con la mentalità giusta e la strategia ben chiara. Anche se non puoi mai sapere, soprattutto con queste gomme, cosa possono fare gli avversari. Però ho fatto la partenza giusta, mi sono messo dietro Lorenzo, l'ho passato dopo qualche giro. Non ho spinto subito perché - ha spiegato - era troppo presto e con le gomme fai fatica ad arrivare fino alla fine. Ho fatto un po' di prove, per cercare di capire gli avversari come rispondevano. Avevo il dubbio delle gomme, non sapevo se sarei arrivato fino alla fine", ha proseguito Dovizioso. "Sono entrato in trance con la moto funzionava benissimo, potevo forzare. E oggi ho veramente goduto, per tutta la gara. Negli ultimi giri un po' di meno perché quando Lorenzo inizia a spingere è davvero forte. Ma avevo le mie carte da giocare e dei punti dove sapevo che ero più veloce di lui e sono riuscito a metterlo in crisi".

Soddisfatto e stremato Marquez. "E' stato molto difficile perché lottare contro le Ducati è davvero un altro mondo", ha raccontato il pilota Honda. "Per stare loro dietro devi cambiare stile di guida e ho faticato parecchio. Quando ho visto che Dovizioso era così forte il mio obiettivo è diventato il secondo posto. Sono contento perché non avevamo fatto test in questa pista mentre loro sì ma nonostante questo eravamo lì, abbastanza vicini. Possiamo preparare bene Aragon". Ben altro stato d'animo in casa Yamaha, come confermano le parole di Rossi: "Peccato perché oggi l'atmosfera a Misano era quella giusta. Mi è dispiaciuto tanto non poter fare una gara decente per tutta la gente e per tutti i miei tifosi. Era uno spettacolo". "Noi - ha aggiunto - non andavamo tanto. Alla fine grande Italia con tre vittorie. La gente si è divertita, siamo mancati solo noi", ha concluso amaro il Dottore.

Scritto da 
  • Attilio Celeghini 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Motomondiale, Team e colleghi 'scaricano' Fenati. La mamma lo difende

Bufera sul pilota per il folle gesto a Misano. L'avversario Manzi: "Ha cercato di uccidermi, non lo perdonerò mai"

Motomondiale, follia Fenati: tocca il freno del rivale a 250 km/h

Due gare di squalifica per il pilota marchigiano accusato di 'guida irresponsabile'

Moto GP, Misano - Prove libere del venerdì

MotoGp, super Lorenzo a Misano: la pole è sua. Dovi quarto, settimo Rossi

In prima fila scatteranno anche l'australiano Jack Miller con la Ducati e Maverick Vinales su Yamaha

MotoGP, la conferenza piloti dal GP di Austria 2018

Marquez: "Ho sbagliato, pronto a fare pace con Valentino Rossi"

Il pilota della Honda prova ad appianare gli screzi