Domenica 12 Agosto 2018 - 15:00

Morto lo scrittore premio Nobel V.S. Naipaul: aveva 85 anni

Scrisse oltre 30 libri, molti incentrati sui traumi del cambiamento post-coloniale. L'Academy: "Era un circumnavigatore letterario dalla voce inimitabile"

Festival Internazionale delle Letterature

E' morto a 85 anni l'autore britannico Vidiadhar Surajprasad Naipaul, premio Nobel per la Letteratura nel 2001. "E' morto circondato dai suoi cari, avendo vissuto una vita che per piena di meravigliose creatività e sfide", ha dichiarato la moglie, Lady Nadira Naipaul, descrivendo l'intellettuale come "un gigante in tutto ciò che ha raggiunto". Nato a Trinidad e Tobago, figlio di un dipendente pubblico indiano, Naipaul aveva studiato letteratura alla Oxford University grazie a una borsa di studio. Viveva nel Regno Unito, ma ha trascorso molto tempo viaggiando, diventando sia un pilastro della cultura britannica sia un simbolo di moderna mancanza di radici. I primi lavori si concentrarono sulle Indie occidentali, poi si allargarono ad altre zone del mondo, spesso concentrandosi sul tema dei traumi del cambiamento post-coloniale.

Quando nel 2001 fu insignito del Nobel, l'Academy svedese lo descrisse come un "circumnavigatore letterario, davvero a casa solo dentro se stesso, nella sua voce inimitabile". Ha scritto più di 30 libri e tra le sue opere chiave ci sono 'Una casa per il signor Biswas' del 1961 e 'In uno Stato libero' del 1971, premiato con il Booker Prize. All'inizio della sua carriera, Naipaul era afflitto da preoccupazioni legate al denaro e alla solitudine. Incontrò la prima moglie, Pat, a Oxford, e la donna diventò una sua costante sostenitrice, prima di morire nel 1996. In seguito, Naipaul disse di credere di aver affrettato la sua morte, per aver ammesso pubblicamente, mentre lei era malata di cancro, di aver frequentato prostitute. Nello stesso anno in cui Pat morì, lo scrittore sposò la giornalista pakistana Nadira Alvi. Si diceva fosse solito tagliare le persone fuori dalla propria vita, e lui commentò: "La mia vita è corta. Non posso ascoltare banalità".

La rabbia che emergeva dal suo lavoro era destinata alla corruzione nella politica indiana, così come al trattamento riservato alle ex colonie dai Paesi 'occidentali', sino al culto della personalità. Nel 2010 se ne andò da un evento letterario turco, a seguito di proteste per le sue posizioni sull'islam, secondo cui la religione al contempo schiavizza e tenta di cancellare altre culture. Tra le altre affermazioni per cui si fece notare, quella con cui paragonò l'ex primo ministro Tony Blair a un pirata alla guida della rivoluzione socialista.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Enzo Moavero Milanesi in visita al Cairo

Libia, assaltata sede Noc a Tripoli. Moavero a Bengasi vede Haftar

Due morti nell'attentato. Il ministro degli esteri italiano in visita dal generale

Premio Cairo 2018, la nuova prestigiosa giuria

Il 19° premio Cairo verrà assegnato il 15 Ottobre al Palazzo reale

Elezioni generali in Svezia

Svezia, arginata l'estrema destra sovranista. Ma dalle urne esce un pareggio

Centrosinistra e centrodestra sono praticamente alla pari. Il premier Lofven apre. Risposta tranchant dei Moderati. Esultano gli xenofobi

FILES-US-ENTERTAINMENT-MEDIA-TELEVISION-HARASSMENT

Molestie, accuse contro il numero uno della CBS: si dimette Moonves

La rete televisiva donerà 20 milioni di dollari per il movimento #MeToo