Venerdì 10 Agosto 2018 - 12:45

Morto Cesare De Michelis, presidente della casa editrice Marsilio

Fratello dell'ex ministro e vicepremier socialista Gianni, si è spento nel sonno a 74 anni

De Michelis con Prodi

È morto nella notte, serenamente mentre dormiva, a 74 anni Cesare De Michelis, presidente della casa editrice veneziana Marsilio. Si trovava in vacanza a Cortina d'Ampezzo e avrebbe compiuto 75 anni il prossimo 19 agosto.

Fratello del deputato e ex ministro socialista Gianni, Cesare, nato a Dolo, è stato professore universitario a Padova, giornalista e consigliere della Fondazione Teatro La Fenice di Venezia. Nel 1969 assume la direzione della Marsilio, con cui collaborava da anni, e inizia una fase di espansione sviluppando la saggistica di riflessione politica e culturale e la narrativa italiana puntando soprattutto sui giovani autori, fra cui Susanna Tamaro e Margaret Mazzantini. Suo anche il merito di aprirsi ai gialli svedesi, come per esempio quelli della trilogia 'Millenium' di Stieg Larson. In tanti piangono la sua scomparsa. Fra loro, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che lo definisce "un grande veneto" e elogia la sua "capacità di visione" e di "anticipare i tempi". Zaia poi aggiunge: "Ci mancherà e lo ricorderemo con rimpianto il prossimo 22 settembre a Treviso alla consegna del premio Parise: lo ringrazieremo, ancora una volta, rendendo omaggio all'editore che ne guidava la giuria e che con il suo fiuto da 'impresario della cultura' e la sua sensibilità giornalistica ha contribuito anche quest'anno a guardare al meglio del giornalismo italiano e a selezionare bravi reporters, degni eredi della penna del maestro vicentino e capaci di attirare la curiosità intellettuale e la sensibilità di un uomo di cultura che scavalcava la tradizione in cerca di nuove competenze e saperi".

Cordoglio anche dalla senatrice di Forza Italia Stefania Craxi, che lo ricorda come "un appassionato studioso ed un uomo di grande cultura, un militante socialista animato da una instancabile volontà di conoscenza, mai assoggettato ai conformismi delle varie epoche e sempre vicino, anche attraverso la sua attività editoriale, alle tante battaglie di verità del post tangentopoli". Partecipa al commosso ricordo il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli: "Con dolore ho appreso della scomparsa di Cesare De Michelis. Intellettuale, studioso, appassionato di cinema, bibliofilo raffinato, perdiamo uno dei più importanti editori italiani, scopritore di talenti come Margaret Mazzantini e Susanna Tamaro, uomo capace di cogliere e portare nel nostro Paese fenomeni letterari mondiali come la saga Millennium di Stieg Larsson, con la quale ha colto uno straordinario successo di vendite. Ai familiari, agli amici, alla casa editrice Marsilio - conclude Bonisoli - vanno le mie più sentite condoglianze". I funerali di Cesare De Michelis dovrebbero svolgersi martedì 14 agosto nella Chiesa Valdese di Venezia. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Salute, Ospedale Molinette: scoperto segreto del sonno e come dormire meglio

Ecco come riposare di più regolando ed abbassando la temperatura del corpo mediante un composto innovativo incorporato nel materasso

'Ndrangheta: arrestato il capo cosca Abbruzzese, considerato ricercato pericoloso

L'operazione della polizia all'alba. Al momento della cattura aveva 2 pistole, munizioni e un documento falso. Salvini: "Cacceremo i mafiosi"

Genova, la camera ardente per le vittime del ponte crollato

Ponte Genova, alla Fiera i funerali di Stato di 18 vittime. Applausi per i vigili del fuoco

Le esequie in programma alle 11.30 celebrate dal cardinale Angelo Bagnasco. Presente Mattarella. Alcune famiglie hanno deciso di non partecipare alla cerimonia solenne