Lunedì 07 Agosto 2017 - 12:45

Morto Dall'Aglio: il nuotatore azzurro aveva solo 24 anni

Il giovane di Montecchio avrebbe avuto un malore mentre era in palestra

Morto Dall'Aglio: il nuotatore azzurro aveva solo 24 anni - Foto tratta dal profilo Facebook

Il nuoto piange la prematura scomparsa di Mattia Dall'Aglio, azzurro della Nazionale e nel 2015 tra i partecipanti alle Universiadi di Gwangju, in Corea del Sud. Una morte arrivata in maniera improvvisa e sulla quale sarà necessario fare luce con tutti gli accertamenti del caso.

Aveva appena 24 anni, Mattia: era nato a Montecchio il 14 gennaio 1993 ed era residente a Reggio Emilia. Ieri pomeriggio se n'è andato mentre si dedicava alla grande passione della sua vita, lo sport. Il ragazzo si stava allenando nella palestra del centro sportivo vicino al comando dei Vigili del Fuoco di Modena, per i quali era tesserato. Si stava allenando con i pesi quando si è accasciato: la prima ricostruzione parla di un malore. Inutili i successivi tentativi sul posto di rianimare il giovane. Dall'Aglio era allenato da Luciano Landi ed era cresciuto nella Reggiana Nuoto. Nel 2007 arrivò a conquistare due podi al Meeting di Viareggio e successivamente, con i Vigili del Fuoco Modena, si aggiudica tre titoli italiani giovanili. Nel suo curriculum, la partecipazione con la maglia azzurra alle Universiadi di Gwangju 2015, dopo aver effettuato tutto il percorso con le nazionali giovanili, ottenendo il quarto posto con la staffetta 4x100 stile libero e l'accesso alle semifinale nei 100 stile libero. Quindi, il ritorno a Modena. L'ex tecnico Vincenzo Piscopo lo ricorda, a 'La Gazzetta di Reggio', come "un ottimo ragazzo e un ottimo atleta, molto talentuoso. Era ben voluto da tutti e aveva molti amici sia a Reggio sia a Modena"

"Il presidente della Fin Paolo Barelli, i presidenti onorari Salvatore Montella e Lorenzo Ravina, i vicepresidenti Andrea Pieri, Francesco Postiglione e Teresa Frassinetti, il segretario generale Antonello Panza, il consiglio e gli uffici federali, il presidente del GUG Roberto Petronilli, il tecnico federale responsabili delle squadre nazionali di nuoto Cesare Butini e il responsabile delle squadre nazionali giovanili Walter Bolognani e tutto il movimento degli sport acquatici formulano le più sentite condoglianze alla mamma Fabrizia, al papà Gianluca, ai familiari tutti ed amici e a tutti coloro i quali hanno avuto il privilegio di conoscerlo", si legge nella nota della Federazione.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Doping, oltre tre ore di audizione per Magnini: "Chiarito tutto"

Il nuotatore e il collega Michele Santucci sono accusati di uso e tentato uso di sostanze dopanti

Campionato Italiano Assoluto Indoor - Le premiazioni

Tania Cagnotto ci ripensa: "Ritiro? Non sono più così convinta"

La campionessa azzurra di tuffi, ora in dolce attesa, parla del suo futuro e dell'ipotesi di un ritorno alle competizioni

Pellegrini distrutta: "Ricevute offese sessiste da persone vicine, è brutale"

Pellegrini distrutta: "Ricevute offese sessiste da persone vicine, è brutale"

Lo scontro con Paltrinieri e alcuni post velenosi hanno lasciato il segno

Acque agitate, la lite social tra Paltrinieri e Pellegrini. E Fede minaccia querele

Acque agitate, la lite social tra Paltrinieri e Pellegrini. E Fede minaccia querele

Scintille dopo premio di miglior tecnico assegnato all'allenatore del nuotatore. Scelta criticata dalla campionessa