Giovedì 14 Giugno 2018 - 16:00

Mondiali 2018, al via in Russia: proteste per il caso Skripal

Si parte con Russia-Arabia Saudita allo stadio Luzhniki di Mosca, interamente ristrutturato, che può ospitare fino a 80mila persone

TOPSHOT-FBL-WC-2018-FANS

Al via in Russia i Mondiali di calcio 2018. Dal 15 luglio ospiterà la 21esima edizione della Coppa del mondo Fifa. Il calcio d'inizio è la partita Russia-Arabia Saudita nello stadio Luzhniki di Mosca interamente ristrutturato, che può ospitare fino a 80mila persone. Alla cerimonia di apertura partecipa il presidente russo Vladimir Putin, insediatosi il mese scorso per un quarto mandato presidenziale.

I Mondiali stanno costando alla Russia oltre 11 miliardi di euro e si tratta dell'evento più importante nel Paese dalle Olimpiadi estive di Mosca del 1980. Undici le città che ospiteranno eventi sportivi in questo mese. Per Putin si tratta di un'occasione per lanciare la sua immagine provando a mostrare un volto moderno sul palco internazionale. Il Paese giunge a questo appuntamento dopo mesi segnati da tensioni diplomatiche: in particolare il caso dell'avvelenamento dell'ex spia sovietica Sergey Skripal avvenuto il 4 marzo a Salisbury, nel Regno Unito, di cui Londra ha accusato Mosca; la Russia ha sempre respinto le accuse e ne è seguita un'ondata di espulsioni reciproche di diplomatici.

Per questo all'evento non parteciperanno né i reali britannici né membri del governo del Regno Unito, in segno di protesta. "Vorremmo sottolineare la validità del principio della Fifa per cui lo sport deve essere fuori dalla politica" e "la Russia ha sempre rispettato questo principio", ha detto il leader del Cremlino mercoledì. L'immagine di Putin è macchiata da accuse legate per esempio al suo appoggio al presidente siriano Bashar Assad, dall'annessione della Crimea sottratta all'Ucraina e dalle accuse di interferenze nelle elezioni presidenziali Usa del 2016, come pure dal trattamento dei dissidenti.

 

Loading the player...

Nell'ultimo numero uscito mercoledì, il settimanale satirico francese Charlie Hebdo ha dedicato la copertina al campionato mondiale: la vignetta, su uno sfondo rosso, mostra Putin alla guida di un carro armato che punta contro la porta di un campo da calcio, con un pallone al centro. E proprio nel giorno dell'apertura dei Mondiali, è stato liberato il principale oppositore di Putin, Alexey Navalny, scarcerato dopo avere scontato 30 giorni di detenzione con l'accusa di avere organizzato una protesta illegale.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Russia 2018 - Coppa del Mondo FIFA - Portogallo vs Marocco

Marocco: "Nessuna candidatura in vista per prossimi Mondiali"

Secondo una fonte, la Fifa avrebbe già deciso di assegnarli nel 2030 al Regno Unito, nel 2034 alla Cina, nel 2038 all'Arabia Saudita e all'Egitto