Giovedì 01 Febbraio 2018 - 10:15

Monacalieri, 7 medici indagati per una donna morta di parto

Il provvedimento della Procura di Torino. I fatti si riferiscono all'aprile dell'anno scorso. Anche la figlioletta nacque morta

Walter Veltroni morso da un cane alla Festa dell'Unità: primo soccorso in ambulanza

Sara Festa aveva 39 anni quando, lo scorso aprile, morì in seguito alle gravissime complicazioni di una gestosi gravidica all'ospedale delle Molinette di Torino. Una decina di giorni prima aveva partorito una bimba nata morta all'ospedale Santa Croce di Moncalieri. Adesso, dopo lunghe e complesse indagini, perizie e controperizie, sette medici dell'ospeale di Moncalieri risultano indagati  dalla Procura di Torino per omicidio colposo.

La donna, già madre di una bimba, aveva avuto qualche complicazione dello stesso genere (ma, ovviamente, meno gravi) al termine della prima gravidanza e, davanti ai sintomi (improvviso innalzamento della pressione) era subito stata ricoverata a Moncalieri dove, secondo gli inquirenti, i medici che la presero in cura potrebbero (non è certo) aver commesso dei gravi errori rispetto alla procedura prevista. Errori che potrebbero essere all'origine della morte della bimba e, poi, della madre. La questione è proprio sulle procedure avviate nella prima fase del ricovero: davanti all'evidente ipertensione, il protocollo dice che si deve cercare di far nascere subito il bimbo. Sembra che su questa decisione ci siano stati gravi ritardi che portarono alla venuta alla luce di una bimba già morta. In effetti, la notte in cui la donna arrivò a Moncalieri già in gravi condizioni, venne praticato un cesareo d'urgenza (e la bimba nacque morta), ma prima, ci sarebbero stati altri momenti in cui i medici avrebbero dovuto fare qualcosa.

Dal parto in poi, essendosi scatenata la gestosi gravidica, sindrome che porta rapidamente al collasso di quasi tutti gli organi più importanti, per Sara non c'era molto da fare. La donna venne portata alle Molinette di Torino dove, per dieci giorni rimase tra la vita e la morte, prima di cedere. I medici delle Molinette, infatti, non sono indagati proprio perché tutta la questione riguarda se e come si poteva far meglio prima del precipitare degli eventi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione Osakue, cure al cortisone: l'atleta rischia di saltare gli Europei

La giovane campionessa nel lancio del disco, colpita a un occhio da un uovo, forse dovrà dire addio a Berlino per le norme antidoping

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione a Osakue, la Procura di Torino indaga per lesioni senza aggravante razziale

L'atleta azzurra, di origini nigeriane, colpita al volto da un uovo lanciato da un'auto in corsa. Non si esclude nessuna ipotesi dato che si sono verificati altri casi simili e le vittime non erano di colore

Champions League, panico a Torino in piazza San Carlo: tifosi della Juve in fuga

Torino, spray in piazza San Carlo: arrestato quinto componente della banda

Nel 2017 durante la proiezione della finale di Champions tra Juve e Real Madrid, scatenarono il panico causando la morte di una donna e il ferimento di oltre 1500 persone

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza