Martedì 05 Giugno 2018 - 13:45

Molestie, Woody Allen respinge le accuse: "Potrei essere testimonial #MeToo"

La risposta del regista alle dichiarazioni scioccanti della figlia adottiva Dylan Farrow

t

Il Woody Allen che non ti aspetti. Nonostante la sua controversa vicenda, durante la quale è stato accusato di aver abusato della figlia adottiva Dylan Farrow, il regista, vorrebbe essere il testimonial della campagna #MeToo. Durante un'intervista alla tv argentina 'Canale 13', l'attore 82enne ha voluto chiarire la situazione, per evitare fraintendimenti e per ripulire la sua immagine danneggiata dal riemergere di quelle voci, risalenti a un quarto di secolo fa.

"Io dovrei essere il 'poster boy' del movimento #MeToo. Lavoro nel mondo del cinema da 50 anni, sono stato sul set con centinaia di attrici e nessuna di loro mi ha mai accusato di molestie", ha precisato Allen, aggiungendo di avere pagato le donne, sempre, esattamente come gli uomini. In effetti, il discorso non fa una piega, e il regista rimane uno dei pochi che non sono stati travolti dallo scandalo Weinstein. Non fosse, però, per quelle accuse ricevute lontano dal set dalla figlia adottiva. Allen imputa proprio a questo, una "diffamazione ingiusta", l'impossibilità per lui di essere il 'ragazzo immagine' di #MeToo.

Il regista si è detto "frustrato" dal fatto di essere stato trascinato nella bufera del caso molestie, quando le accuse nei suoi confronti sono state tutte rimosse dopo due indagini durate mesi. "Ci sono uomini che hanno ricevuto accuse da 20, 50, 100 donne riguardanti ogni tipo di abuso, e io, che ne ho ricevuta una da parte di una sola donna nell'ambito di un caso di affidamento di minori, peraltro dimostratasi falsa, vengo accostato a queste persone".

Una cosa "folle", secondo Allen, visto che le accuse nei suoi confronti sono state analizzate a fondo 25 anni fa, constatando la loro inconsistenza. "Per me - spiega il regista - era finita lì e sono andato avanti con la mia vita. Ma ora quelle falsità sono state di nuovo tirate fuori. E' una cosa terribile. Sono un uomo con una famiglia, con dei figli. Per me è sconvolgente".
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Film festival di Roma - Red carpet del film "A Few Best Men"

Olivia Newton-John rivela di avere di nuovo il cancro: "Lo sconfiggerò"

Terza battaglia contro i tumori per l'attrice: "Mio marito è sempre lì al mio fianco per sostenermi, ce la farò"

Venezia 75, Italia a bocca asciutta: Leone d'oro a 'Roma', l'amarcord di Cuarón

Willem Defoe e Olivia Colman miglior attore e attrice, il premio per la miglior sceneggiatura va ai fratelli Coen

ITALY-CINEMA-VENICE-FILM-FESTIVAL-MOSTRA

Venezia 75, Andò firma una storia d'arte e mafia con Micaela Ramazzotti

Il regista sceglie la formula del metafilm per parlare del cinema e della sua capacità di indagare il reale

A New York, curvo sul suo bastone, un Burt Reynolds quasi irriconoscibile

Morto Burt Reynolds: l'attore nominato agli Oscar aveva 82 anni

Aveva interpretato il regista porno Jack Horner in 'Boogie Nights - L'altra Hollywood' (1997) di Paul Thomas Anderson