Martedì 13 Marzo 2018 - 16:45

Migranti, ventiduenne eritreo sbarcato a Pozzallo muore per malnutrizione

Era tra le 93 persone salvate ieri nel Mediterraneo dalla ong Proactiva Open Arms

Libia, migranti al porto di Tripoli

Un giovane di 22 anni di origini eritree, tra le 93 persone salvate ieri nel Mediterraneo dalla ong Proactiva Open Arms, è morto per le complicazioni dovute a una grave malnutrizione. Dopo lo sbarco a Pozzallo era stato ricoverato all'ospedale di Modica in condizioni disperate.

"C'era una persona sulla barca, ha detto che aveva 22 anni, che si chiamava Segen, era eritreo, ed era stato imprigionato in Libia per 19 mesi", ha scritto su Twitter il fondatore di Proactiva, Oscar Camps. "Lo abbiamo salvato domenica", ha aggiunto, "lo abbiamo trasferito in ospedale subito dopo l'arrivo in porto in Sicilia. Oggi è morto per una grave malnutrizione". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Brescia, lo striscione di Forza Nuova contro Balotelli: "Sei più stupido che negro"

Il partito di estrema destra si scaglia contro la presa di posizione del calciatore sul tema dei migranti

Processo Maroni a Milano

Aiuti alle collaboratrici, Maroni condannato a 1 anno e 450 euro di multa

L'ex governatore della Lombardia colpevole per il lavoro a Mara Carluccio, ma assolto per il viaggio a Tokyo di Maria Grazia Paturzo

Terremoto Marche

Marche, contributi illeciti per casa post-terremoto: 120 denunciati

Hanno usufruito di agevolazioni per oltre 500mila euro, ma le abitazioni danneggiate dal sisma del 2016 erano residenze estive

Prima udienza del processo a Roberto Spada

Ostia, aggressione ai giornalisti: Spada condannato a 6 anni

Stessa pena per Ruben Nelson Alvez del Puerto, guardaspalle del boss che aveva partecipato al pestaggio