Mercoledì 11 Luglio 2018 - 10:15

Caso Diciotti, Salvini: "Aggressori in galera o nessuno sbarco". E assicura: "Governo compatto"

Il ministro dell'Interno: "No autorizzazioni se non ho garanzie che i delinquenti finiscano in cella"

TOPSHOT-ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

La nave Diciotti della Guardia Costiera è attesa per giovedì mattina nel porto di Trapani. I 67 migranti a bordo dovrebbero toccare presto la terra siciliana, ma alcuni potrebbero finire in manette, dopo mille polemiche, con tanto di tira e molla tra il ministero dell'Interno e quello dei Trasporti. Quest'ultimo ha autorizzato il trasbordo dei migranti sulla Diciotti dal rimorchiatore Vos Thalassa, dove si sarebbero registrati disordini e minacce.

I migranti, agitati di fronte alla prospettiva di essere trasferiti alla Guardia costiera libica, avrebbero protestato con forza, causando un parapiglia che avrebbe spinto il trasbordo sulla Diciotti. Al momento, a bordo della Diciotti ci sono uomini della Capitaneria di Porto e della polizia di Stato, che stanno raccogliendo elementi da riferire poi all'autorità giudiziaria.

"Se c'è gente che ha minacciato e aggredito, non finirà in un albergo ma in galera", tuona il vicepremier leghista Matteo Salvini, titolare del ministero dell'Interno, puntando il dito contro i "delinquenti, non profughi, che hanno dirottato con la violenza una nave", auspicando che "finiscano in cella e poi vengano riportati il prima possibile nei propri paesi". Insomma, prima dell'apertura del porto di Trapani, per Salvini, devono esserci i "nomi e cognomi dei finti profughi".

La Diciotti, spiega l'altro vicepremier, il pentastellato Luigi Di Maio, è "una nave italiana intervenuta in una situazione da chiarire, bisogna farla sbarcare", anche se con l'alleato leghista Salvini, "condividiamo le stesse perplessità" sull'accaduto. Condivisa, soprattutto, è la linea di governo: "I nostri porti non sono chiusi ma lo sono per quelle Ong che non rispettano regole", ha sottolineato Di Maio, usando parole simili a quelle del suo collega.

La situazione migratoria è stata al centro di un confronto tra lo stesso Salvini e il premier Giuseppe Conte. Durante la riunione si è parlato della Diciotti e della riunione europea dei ministri europei dell'Interno ad Innsbruck. All'uscita da Palazzo Chigi, Salvini ha ribadito che "il governo lavora in maniera compatta, parlano i numeri". Il ministro ha quindi rivendicato il calo degli sbarchi, in realtà già iniziato con la 'cura Minniti', suo predecessore. Dal 1 gennaio ai primi dieci giorni di luglio, i migranti arrivati in Italia sono stati circa 17mila, con una diminuzione dell'80% rispetto all'anno scorso.

Scritto da 
  • Matteo Bosco Bortolaso
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio. Manifestazione del Movimento 5 stelle contro il Rosatellum

Decreto Dignità, Fico: "Credo a Di Maio". E la 'manina' diventa un'ossessione

Per il ministro "il numero della relazione una questione da chiarire ancora"

Funerali di Carlo Vanzina alla Basilica di Santa Maria degli Angeli

Vigilanza Rai, Berlusconi vuole Barachini. Per Consulta accordo su Antonini

La candidatura potrebbe essere apprezzata anche dal Movimento 5 Stelle

TOPSHOT-ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico". Ue: "Italia ha ragione su cooperazione"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici e l'Irlanda prenderanno una quota di persone. Governo: "Per la prima volta sono sbarcati in Europa"

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno