Giovedì 14 Giugno 2018 - 13:30

Migranti, Papa chiede cambio mentalità: "Sono persone, non numeri"

Per il Pontefice tutti dovremmo abbattere quel "muro di complicità comoda e muta" che ci siamo costruiti intorno

Treno dei Bambini evento in Vaticano con Papa Francesco

Il silenzio vaticano sul caso Aquarius iniziava a diventare assordante. Giovedì Papa Francesco non fa un riferimento esplicito alla vicenda, ma approfitta del colloquio Santa Sede-Messico sulla migrazione internazionale per inviare un messaggio che non lascia dubbi sulla sua posizione: serve un "cambio di mentalità", tutti dovremmo abbattere quel "muro di complicità comoda e muta" che ci siamo costruiti intorno.

Per dare una risposta "concreta e degna" a questa sfida umanitaria, il Papa argentino, figlio di migranti italiani, fa appello a tutta la Comunità internazionale. Deve adoperarsi compatta, osserva, nella gestione del fenomeno migratorio "dal momento che ha una dimensione transnazionale, che supera le possibilità e i mezzi di molti Stati". Una cooperazione importante in tutte le tappe della migrazione, avverte: "dal Paese di origine fino alla destinazione, come pure nel facilitare il ritorno e il transito". In ognuno di questi passaggi, il migrante è "vulnerabile, si sente solo e isolato". 

Qui non sono in gioco solo numeri, ma persone: "con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni. Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi", avverte, con un'attenzione speciale ai più indifesi, i bambini, le loro famiglie, le vittime delle reti del traffico di esseri umani e gli sfollati.

Per cambiare mentalità e arrivare a un'accoglienza giusta basta passare dal "considerare l'altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società".

Nel merito della vicenda Aquarius entra il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, che fa leva sulla storia italiana: "Ho fiducia che non venga meno quella sensibilità umanitaria che da sempre ha caratterizzato il Paese e che fa parte dell'identità italiana".
E anche lui, che precisa di non intendere commentare le decisioni, data la situazione giuridica complessa, crede sia "importante che ci sia una risposta comune". E d'altra parte, ricorda, questo è il ruolo della Chiesa, non altro: richiamare le coscienze ai "grandi principi di base per affrontare il problema delle migrazioni, l'umanità e la fraternità".

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Enzo Moavero Milanesi in visita al Cairo

Libia, assaltata sede Noc a Tripoli. Moavero a Bengasi vede Haftar

Due morti nell'attentato. Il ministro degli esteri italiano in visita dal generale

Elezioni generali in Svezia

Svezia, arginata l'estrema destra sovranista. Ma dalle urne esce un pareggio

Centrosinistra e centrodestra sono praticamente alla pari. Il premier Lofven apre. Risposta tranchant dei Moderati. Esultano gli xenofobi

FILES-US-ENTERTAINMENT-MEDIA-TELEVISION-HARASSMENT

Molestie, accuse contro il numero uno della CBS: si dimette Moonves

La rete televisiva donerà 20 milioni di dollari per il movimento #MeToo

Elezioni generali in Svezia

Elezioni Svezia, in equilibrio centrosinistra e centrodestra. Estrema destra al 17,6%

I dati al 99,5% dello scrutinio. I socialdemocratici al 28,4%. Tengono i Moderati. Tensione ai seggi