Domenica 22 Ottobre 2017 - 19:15

Mdp tende la mano al Pd. Ma Renzi: "Prima ok a Rosatellum"

Speranza apre ai dem e si dice pronto a una coalizione di centrosinistra

Prove di dialogo nel centrosinistra. Dopo la rottura, che sembrava definitiva, con la fiducia posta sul Rosatellum, l'Mdp torna sui suoi passi e per bocca di Roberto Speranza tende la mano ai dem, dicendosi pronto a una coalizione di centrosinistra. "Ma dopo tutto quello che ci avete detto come potete pensare di dialogare?" chiede Matteo Renzi, che però si dice ottimista (alle sue condizioni).

"Possiamo vederci già domani - lo invita Speranza intervistato su Repubblica - tu sei disponibile?". Il terreno di confronto è duplice: legge elettorale e legge di bilancio. "Abbandonino la strada della fiducia al Rosatellum e modifichiamo la legge con le preferenze, oppure aumentando i collegi uninominali. E prevediamo il voto disgiunto". Il partito di Renzi però sembra non voler scendere a compromessi: confronto sì, ma con il via libera al Rosatellum.

"Voglio vedere il bicchiere mezzo pieno e guardo all'apertura - risponde il segretario dem, ospite di Lucia Annunziata su Rai 3 - se è seria, bene. Discutiamo di cose concrete: sulla legge elettorale e le preferenze si è fatto un accordo con tanti partiti, anche dell'opposizione", e spiega che "rimettere in discussione il Rosatellum è molto difficile".

"Se c'è la vera volontà di collaborare, le condizioni da mettere devono guardare al futuro", frena anche il capogruppo alla Camera del Pd Ettore Rosato, dai microfoni del Giornale Radio Rai. "Intanto  approviamo insieme questa legge elettorale, che è una buona legge che ci permette di fare la coalizione".

"Per noi contano i contenuti, dal Pd al momento il solito 'ciaone'",  risponde piccato il deputato Mdp Arturo Scotto. "Se vogliono confrontarsi con noi, evitino di schierare provocatori seriali". Risposte "sconfortanti" per Alfredo D'Attorre, "sconfortanti", secondo il capogruppo di Mdp al Senato, Maria Cecilia Guerra e "deludenti" per Massimo Paolucci, del coordinamento nazionale del partito di Bersani. L'ex segretario Pd non entra nel merito, ma si fa sentire su Facebook: "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno".

Dalla minoranza dem arriva la preghiera ad accettare l'invito con urgenza: "Da Roberto Speranza è arrivata una importate e inedita apertura. Sono apprezzabili, infatti, sia i toni, sia il terreno che viene proposto per il confronto. Credo che il PD, in ottemperanza a quanto deciso nell'ultima direzione nazionale, debba dare immediata disponibilità al confronto, fissando sin dalle prossime ore un incontro dei vertici dei nostri gruppi con quelli di Mdp" commenta il ministro della Giustizia, Andra Orlando.
Stessa linea seguita dal ministro della Cultura, Dario Franceschini: "La proposta di Robero Speranza e la risposta di Matteo Renzi ricostruiscono un filo di dialogo - twitta -. Nessuno lo spezzi o vincerà la destra".
 

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito