Giovedì 11 Gennaio 2018 - 13:15

Mancini e il sogno Mondiale: "Diventare ct azzurro sarebbe un onore, sogno vittoria"

In caso di nomina a tecnico azzurro, nessuna nostalgia del lavoro quotidiano, ha assicurato lo jesino

Europa League - Zenit Saint Petersburg vs FK Vardar

"Ho un sogno: vincere da ct ciò che non ho vinto da calciatore. Un Mondiale". Parole di Roberto Mancini, che ha confessato i suoi progetti futuri in un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport'. "I russi sono rimasti male per l'eliminazione dell'Italia, ma soprattutto ci prendono molto in giro", ha raccontato l'attuale allenatore dello Zenit San Pietroburgo.

In caso di nomina a tecnico azzurro, nessuna nostalgia del lavoro quotidiano, ha assicurato lo jesino. "E' da 40 anni che lavoro in campo tutti i giorni, da calciatore e da allenatore. E poi sono giovane, posso ritornare in un club dopo la Nazionale... Se arrivasse l'offerta di un grande club? In grandi club ho lavorato e vinto. Allenare la Nazionale è bello. Sarebbe un onore, un orgoglio. E vincere un Europeo o un Mondiale ancora di più".

Per Mancini l'Italia dispone dei giocatori per vincere. "I giovani bravi ci sono. Mi piacciono Belotti, Pellegrini, Romagnoli che puo' crescere ancora tanto. E ogni stagione ne vengono fuori altri. Gli italiani hanno qualcosa in più".

Riguardo la figura giusta per la presidenza federale, a Mancini "piacerebbe vedere al lavoro ex giocatori, ma non solo per il fatto che lo siano stati. Solo quelli che hanno qualcosa da dare con passione e carisma". In caso di un'eventuale chiamata, assicura il tecnico, "i soldi non sarebbero un problema. Ma precisiamo: stiamo parlando in libertà... Io ho un contratto con lo Zenit, che sta facendo bene".

Uno sguardo poi al campionato: "L'Inter di Spalletti 'crollata' come successe con la mia? E' diverso. Noi avevamo rifondato la squadra, ora la squadra ha due anni di esperienza in piu' e tanti di milioni investiti. Noi chiudemmo l'andata in testa pur avendo lacune evidenti. A quel punto servivano acquisti a gennaio per reggere il passo, invece si parlava solo di vendere". "Se riuscirà ad andare in Champions? Io la vedo terza. Per me, anche così, è più forte di Roma e Lazio. Quest'estate comunque ha investito", sottolinea Mancini.

Per lo scudetto la favorita resta ancora una volta la Juventus: "Sì, è la più attrezzata e ha quella rabbia che gli viene dalla storia. Non impari a vincere in 5 minuti". Quanto al Napoli "temo che possa patire le partite di coppa del giovedì, ma sono sicuro che resterà attaccata alla Juve fino in fondo".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Portogallo vs Italia - UEFA Nations League

Le pagelle di Portogallo-Italia: flop Immobile, Chiesa-Romagnoli si salvano

Mancini rivoluziona la formazione ma il risultato non lo premia

UEFA Nations League, l\'Italia sul campo di Lisbona

Nazionale, Mancini verso Portogallo-Italia: "Troveremo la formula giusta"

Il Mancio per la seconda uscita ufficiale cambierà volto e uomini alla sua Italia