Mercoledì 06 Dicembre 2017 - 12:15

Malta, tre uomini incriminati per l'omicidio della giornalista Caruana Galizia

Fanno parte dei dieci arrestati lunedì scorso. Esecutori materiali o menti? Il loro ruolo resta ancora incerto

Tre uomini sono stati incriminati per l'omicidio della giornalista investigativa maltese Daphne Caruana Galizia lo scorso 16 ottobre. Secondo quanto rivela il Times of Malta, i tre, con precedenti penali, sono i fratelli Alfred e George Degiorgio e Vince Muscat e fanno parte di un gruppo di dieci persone arrestate lunedì in relazione all'omicidio. Nonostante si siano dichiarati innocenti, i magistrati maltesi li accusano di possesso illecito di armi e di materiale per fabbricare bombe.

Gli inquirenti cercano ora di capire se i fermati sono gli esecutori materiali o le menti dietro l'omicidio della blogger, rimasta uccisa dall'esplosione di una bomba piazzata sotto la sua auto.

Il Times of Malta segnala inoltre che i tre incriminati sono conosciuti alle forze dell'ordine: Vince Muscat ha preso parte a una sparatoria nel 2014 ed è stato accusato di partecipare alla rapina fallita di una succursale della banca Hsbc nel 2010 e di aver cercato di uccidere un poliziotto. Inoltre, le impronte digitali di Alfred Degiorgio sono state trovate su oggetti impiegati in una rapina a un furgone blindato mentre il fratello è stato accusato in passato di avere armi da fuoco e di narcotraffico. Secondo il quotidiano, gli altri sette soggetti arrestati nell'operazione di lunedì potrebbero essere liberati prossimamente.

La polizia maltese ritiene inoltre che la bomba che ha ucciso Galizia sia stata attivata da una barca attraverso un messaggio di testo inviato a un dispositivo elettronico che ha funzionato come detonatore. Lo hanno riferito i media locali. L'imbarcazione è stata requisita dalla polizia maltese lunedì e gli investigatori stanno cercando le impronte del Dna che serviranno per individuare i responsabili dell'assassinio, secondo Times of Malta. 

Secondo le prime indagini, George Degiorgio avrebbe inviato il messaggio per attivare la bomba dopo aver ricevuto l'autorizzazione del fratello Alfred, che si sarebbe trovato nei pressi della casa di Caruana Galizia. Vince Muscat avrebbe invece partecipato da un altro luogo. I tre fanno parte di un gruppo di 10 persone fermate lunedì e sono accusati di possesso illegale di armi e di materiale per fabbricare bombe. Gli investigatori stano tentando di capire se siano gli esecutori o anche i mandanti dell'omicidio. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Berlino, Angela Merkel ad un incontro di direzione del partito

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Incontro a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. E Fico entra nel dibattito sul regolamento di Dublino: "Se Orban non vuole le quote deve essere multato"

Unicef, video Beckham per 'Super Dads': "Cos'è per me essere papà"

Il campione di calcio, padre di quattro figli e Goodwill Ambassador, racconta la sua esperienza di genitore: dalla preoccupazione costante alla necessità di essere presente

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Migranti, Melania contro Trump: "Odioso separare bambini dalle famiglie"

La First Lady fa un appello per una riforma bipartisan dell'attuale legge sull'immigrazione

Inaki Urdangarin in tribunale

Spagna, in carcere il cognato del re: condannato per appropriazione indebita

Dovrà scontare cinque anni e dieci mesi di reclusione