Giovedì 07 Dicembre 2017 - 11:45

M5s, online i corsi per parlamentari. Morra: "No a incompetenza"

Il M5S stavolta non vuole correre rischi di imbarcare sprovveduti

Senato. Legge Elettorale

Né professionisti della politica, ma neppure ignoranti. Il Movimento 5 Stelle si attrezza per arrivare preparato in Parlamento - ed eventualmente al governo. Per farlo non esita a cambiare un'altra volta pelle: per candidarsi gli iscritti M5s potranno (o forse dovranno) frequentare un corso di insegnamento online su come diventare portavoce.

Sul blog di Beppe Grillo il senatore-filosofo Nicola Morra non a caso usa un'espressione weberiana - i "professionisti della politica" - per indicare quelli che i Cinquestelle non vogliono diventare, ma - specifica - "non dobbiamo neppure permettere che si possa mettere minimamente in discussione la nostra preparazione o la nostra competenza" perché "il primo obiettivo del potere non democratico è l'ignoranza, l'incoscienza dei cittadini, che così divengono sudditi". Fra qualche mese si tornerà a votare ed entrerà in Parlamento "la seconda ondata dello Tsunami che a febbraio 2013 ha sconvolto la politica italiana".

Per questo è necessario che "chi verrà chiamato a rappresentare le 5 stelle sia da subito energico e raffinato nel lavorare all'interno di Aule e Commissioni". Insomma, il M5S stavolta non vuole correre rischi di imbarcare sprovveduti. Che si sia forza di Governo od opposizione - è il ragionamento dei Cinquestelle - "si andrà a combattere" per difendere valori ed idee. Per questo il Movimento ha predisposto su Rousseau un "corso per parlamentari" affinché la lotta non sia "semplice testimonianza" - e qui Morra sceglie l'esempio del ragazzo che a piazza Tien An Men tentò di arrestare un carro armato con lo sventolio di bandiere - ma sia una battaglia fatta "con la sapienza di chi sa usare tutte le armi regolamentari e procedurali possibili". I corsi - arrivati ora al secondo modulo - serviranno quindi a fare una scrematura degli aspiranti portavoce in vista delle parlamentarie e a preparare una potenziale classe dirigente preparata attraverso una sorta di scuola delle Frattocchie online. E per chi è già parlamentare, ci sono sempre i canali tradizionali, come l'università. Non è un caso che la senatrice Paola Taverna si sia iscritta a Scienze politiche e abbia superato non più tardi di qualche settimana fa un esame di diritto. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Camera dei Deputati - Consultazioni del Presidente incaricato Giuseppe Conte

Conte incontra i partiti, poi i truffati dalle banche e Visco. "Governo in tempi brevi, tutti i ministri politici"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"