Giovedì 11 Gennaio 2018 - 21:30

M5S, Espresso: "Grillo fa le valigie e si riprende dominio del blog"

E la decisione di Alessandro Di Battista di non ricandidarsi alle politiche di marzo sarebbe in qualche modo legata alla ritirata del leader

Comizio del M5S in piazza Università a Catania

Inizia il divorzio tra il blog di Beppe Grillo e il Movimento 5 stelle. Almeno secondo una ricostruzione dell'Espresso in edicola domani, secondo cui il fondatore dei pentastellati è sempre più insofferente alle nuove leve e alle nuove regole. E la decisione di Alessandro Di Battista di non ricandidarsi alle politiche di marzo sarebbe in qualche modo legata alla ritirata del leader. D'altra parte era stato lo stesso Grillo ad anticipare, nel discorso di fine anno, "il cambiamento proprio di fisionomia del blog" e a separare "il blog delle stelle", per i contenuti di politica e dei parlamentari dal suo blog personale: "andrò a un po' in giro per il mondo con video, conferenze - aveva detto -. Sono andato a vedere un po' di conferenze, appunto, sulle smartcity, parleremo di robotica, parleremo di intelligenza artificiale, internet delle cose. Insomma un po' di visione".

E infatti digitando l'indirizzo del blog delle stelle, prima il reindirizzamento sul blog di Beppe Grillo era automatico, ora invece si accede a contenuti differenti. Le nuove regole poi hanno previsto per la prima volta che il Garante, lo stesso Grillo, possa abbandonare Movimento. Secondo il periodico, il dominio, dopo lo switch off dovrà finire in mano a una srl unipersonale, a socio unico.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg