Martedì 13 Febbraio 2018 - 15:00

Livorno, uccide l'ex moglie nello studio dentistico e poi si suicida

L'uomo era già stato agli arresti domiciliari per stalking

Piazza Vittorio, Carabinieri sul luogo dove una donna è stata violentata nella notte

Ha ucciso l'ex moglie e poi si è tolto la vita. È successo a Livorno, in uno studio dentistico in piazza Attias. La vittima dell'omicidio è Francesca Citi, 45 anni, assistente nello stesso studio. A colpirla a morte con un coltello l'ex marito, Massimiliano Pagnoni. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, l'uomo è andato allo studio, che era chiuso, e si è fatto aprire dalla donna. I due hanno iniziato a discutere: al culmine della lite, l'uomo ha preso un coltello, uccidendola e poi si è suicidato nel bagno. 

A trovare il cadavere di Francesca Citi sarebbe stato l'attuale compagno della donna. Era andato a cercarla perché non rispondeva al telefono. Arrivato nello studio dentistico è riuscito a entrare insieme a un amico e l'ha trovata ormai priva di vita. Poi sono intervenuti i carabinieri che si sono accorti che la porta del bagno dello studio era chiusa dall'interno con la luce accesa. Aperta la porta hanno scoperto il secondo cadavere che il compagno ha riconosciuto come l'ex marito della donna.

Secondo quanto accertato dai carabinieri era stato fino al novembre scorso agli arresti domiciliari per stalking. Nei suoi confronti era stato adottato anche un provvedimento di divieto di avvicinarsi alla donna.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Meningite: l'ospedale Meyer di Firenze

Firenze, muore di meningite un neonato di due mesi

Un caso raro ma possibile: lo streptococco gli è stato passato dalla madre al momento della nascita

"Negro di m...": spari contro migrante in una parrocchia a Pistoia

La denuncia di don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro

Firenze, prete arrestato per violenza su una una bambina di 10 anni. "Pensavo fosse più grande"

Don Glaentzer, sorpreso in auto con la bimba, ha ammesso di aver avuto altri incontri sostenendo che sarebbe stata sempre la minorenne "a prendere l'iniziativa"