Martedì 05 Settembre 2017 - 11:45

Lil Wayne ricoverato dopo malore. Per Tmz è colpa del sizzurp, la nuova 'droga legale'

La bevanda, composta da sciroppo per la tosse e soda, crea assuefazione e può essere anche letale

Lil Wayne

Il rapper Lil Wayne è stato ricoverato d'urgenza in ospedale dopo un grave attacco di epilessia. Il cantante è stato trovato privo di sensi nella sua camera d'albergo a Chicago e trasportato immediatamente all'ospedale Northwestern Memorial. Secondo Tmz, tuttavia, a causare il malore non sarebbe stata la malattia, di cui soffre da tempo, ma l'abuso di sizzurp, una bevanda molto in voga negli Stati Uniti che ha effetti simili a quelli di alcune droghe. Il cocktail, composto principalmente da sciroppo per la tosse contenente codeina e prometazina e soda al gusto di frutta, provoca euforia, abbinata a fasi di sonnolenza e difficoltà nelle capacità motorie. E ovviamente crea assuefazione.

Secondo il sito, Lil Wayne già nel giugno del 2016 faceva uso di sizzurp e anche in quel periodo era stato colpito da forti attacchi epilettici. La bevanda, chiamata anche lean o purple drank, va ad intaccare il sistema nervoso centrale e può essere letale: fu proprio un'overdose di sciroppo per la tosse ad uccidere il rapper Pimp C nel 2008.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Photocall Lo Stato Sociale - Festival di Sanremo 2018

Esce 'Facile': il nuovo singolo de Lo Stato Sociale

Nel video ufficiale della canzone un mix tra un flashmob e un concerto mobile per le vie di Bologna

Street Clerks

Musica, Street Clerks: La nostra rivoluzione? 'E poi c'è Cattelan' e il nuovo album

La resident band si 'EPCC' racconta il suo lavoro 'Come è andata la rivoluzione?'

Artù fa rivivere Rino Gaetano: duetto immaginario su 'Ti voglio'

Molto di più di un semplice brano: "E' un sogno, che va oltre oltre la carriera"

Levante lancia 'Stay Open': collaborazione con Diplo e MØ

Una sfida ambiziosa per il progetto musicale internazionale Tuborg Open, che coinvolgerà anche Russia, Cina, Nepal, Bulgaria e Myanmar