Domenica 11 Febbraio 2018 - 17:30

Karamoh trascina Spalletti: Inter terza, Bologna ko 2-1

Palacio replica a Eder nel primo tempo, poi due traverse di D'Ambrosio e Skriniar nella ripresa, prima dell'eurogol-partita di Karamoh

Inter vs Bologna

Ruggito Champions per l'Inter. I nerazzurri di Luciano Spalletti battono in casa il Bologna 2-1 e scavalcano la Lazio al terzo posto in solitaria. Palacio replica a Eder nel primo tempo, poi due traverse di D'Ambrosio e Skriniar nella ripresa, prima dell'eurogol-partita di Karamoh e di due rossi per i rossoblù Mbayé al 63' e Masina al 95'. I padroni di casa, senza Icardi infortunato ma accanto ai compagni nel riscaldamento per dare la carica, partono con Eder, Perisic e il baby Karamoh nel tridente d'attacco. Il Bologna al via con l'ex Palacio, preferito a Destro, nel ruolo di centravanti, affiancato da Orsolini e Di Francesco.

La partita inizia in discesa per i nerazzurri, in vantaggio al 2' con Eder, il sostituto del bomber argentino da 18 gol, e San Siro esplode. L'azione sgorga dalla corsia di destra: Karamoh prolunga sul fondo per Brozovic, che mette dentro per Eder, lesto ad anticipare tutti e a mettere la palla nell'angolino. Poco dopo (minuto 11) altra chance per l'Inter: cross liftato di Cancelo e Brozovic sbaglia di testa da ottima posizione. La squadra di Spalletti gira rapidamente la palla e riesce ad annullare il pressing asfissiante del Bologna, lento e impreciso in fase di impostazione. Ma poi i rossoblù prendono coraggio. Palacio costringe Handanovic al miracolo con una parata a mano aperta su una frustata di testa. E poco dopo (25') è la volta buona per l'ex Inter, che sigla il pareggio con un diagonale di destro imparabile e ringrazia Miranda, che gli ha servito involontariamente il pallone. San Siro applaude l'argentino, 39 gol in cinque stagioni nerazzurre. L'undici di casa sembra subire il colpo e dà l'idea di essere un po' sfilacciato, perché i reparti non dialogano facilmente e davanti si inizia a sentire la mancanza di un attaccante di peso come Icardi, abile anche a far distendere la squadra. Ed ecco i fischi per Perisic, che spreca due buone occasioni. Ancora, regalo di Poli ma il croato cincischia e non impensierisce i ragazzi di Donadoni. Mentre Karamoh con la sua corsa facile apre tanti spazi, ma non basta per ora. La ripresa al via con un cambio nell'Inter: fuori Miranda per un risentimento muscolare all'adduttore della coscia sinistra, dentro il neo acquisto Lisandro Lopez in difesa.

Doppia occasionissima per i padroni di casa, che è tutt'altro che fortunata: prima D'Ambrosio e poi Skriniar, da zero metri, con la difesa rossoblù assopita, colpiscono la traversa, sugli sviluppi di un angolo battuto da Brozovic, e Spalletti si mangia le mani. Dall'altra parte, Poli fa il solletico ad Handanovic e Perisic fallisce il 2-1 da due passi. San Siro rumoreggia, perché i due 'martelli' croati non sembrano in partita. La Nord urla 'Vincere, vincere' e l'ex Barcellona Rafinha prende il posto di Brozovic al 58'. San Siro fischia, il croato applaude ironico e Spalletti si porta l'indice al naso per richiamare il giocatore. Cinque minuti dopo, si passa dalla depressione all'esaltazione, perché Karamoh firma il 2-1 con un gran sinistro a giro dal limite dell'area dopo un doppio dribbling. Primo gol da incorniciare in nerazzurro per il 19enne francese. Allora, Donadoni si gioca la carta Falletti per Orsolini e Karamoh si mangia la doppietta a tu per tu con Mirante.

Poi Bologna in dieci dal '68 per il rosso all'ex Mbaye. Ancora cambi e San Siro si spella le mani per lo stesso Karamoh, sostituito da Gagliardini. Spazio, invece, a Torosidis per uno stravolto Poli e ad Avenatti uno spento Di Francesco nel Bologna. E all'84' Valeri va a vedere le immagini Var: tocco di mano di D'Ambrosio su cross di Falletti considerato involontario e rigore non concesso ai rossoblù, che lo reclamavano. In pieno recupero, l'arbitro torna allo schermo del Var: contrasto tra Masina e Lisandro Lopez, con il nerazzurro finito a terra. Espulso il terzino del Bologna, che perde 2-1 a San Siro e chiude la gara in 9.

 

Reti: 2' pt Eder (I), 25' pt Palacio (B), 18' st Karamoh (I).

INTER: Handanovic; Cancelo, Skriniar, Miranda (1' st L. Lopez), D'Ambrosio; Vecino, B. Valero, Brozovic (13' st Rafinha); Karamoh (28' st Gagliardini), Eder, Perisic. A disp.: Padelli, Berni, Ranocchia, Santon, Dalbert, Candreva, Pinamonti. All. Luciano Spalletti.

BOLOGNA: Mirante; Mbaye, Gonzalez, De Maio, Masina; Poli (27' st Torosidis), Pulgar, Dzemaili; Orsolini (21' st Falletti), Palacio, Di Francesco (35' st Avenatti). A disp.: Santurro, Nagy, Krafth, Destro, Krejci, Crisetig, Helander, Keita Cheick, Donsah. All. Roberto Donadoni.

Arbitro: Valeri di Roma.

Note: ammoniti Palacio (B), Mbaye (B), D'Ambrosio (I). Espulsi Mbaye (B) al 23' st e Masina (B) al 50' st. Spettatori

Scritto da 
  • Luca Rossi
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Liga, Real Madrid vs Leganes

Inter, dopo quella in campionato arriva la vittoria nel caso Modric

Giorni di soddisfazioni in casa neroazzurra, con la squadra che arriva alla sosta per gli impegni delle nazionali con pensieri e critiche in meno

Bologna vs Inter - Serie A TIM 2018/2019

Serie A, riscatto Inter: Bologna travolto 3-0, in gol Nainggolan

Segnano anche Candreva e Perisic. Il belga esce a 15 minuti dalla fine tra gli applausi

Inter vs Torino  - Serie A TIM 2018/2019

Inter a due facce. Mazzarri, che scherzo a Spalletti: 2-2

Perisic e De Vrij illudono l'Inter. Nella ripresa è un altro Torino. Belotti (che errore Handanovic) e Meité confezionano il pareggio