Venerdì 04 Agosto 2017 - 12:45

Italiani viaggiatori comodi: in vacanza meglio l'albergo

Un'indagine Federalberghi rivela che il 27,6% preferisce pernottare in hotel

Aumenta il numero degli italiani che faranno le ferie estive. A certificarlo un'indagine di Federalberghi. In totale a mettersi in viaggio fra giugno e settembre saranno 34.4 milioni di persone, ovvero il 56.6% dei connazionali, tra maggiorenni (23,6 milioni) e minorenni (8,1 milioni). Numeri in aumento del 3.2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

"Il bilancio positivo dei mesi di giugno e luglio e le previsioni relative ai mesi di agosto e settembre confermano che l'estate 2017 sarà caratterizzata da un'ottima performance", commenta il presidente dell'associazione, Bernabò Bocca. Nel 78,6% dei casi (più di 27 milioni di persone) gli italiani rimarranno in Italia (contro il 74,5% del 2016), mentre nel 21,2% dei casi (quasi 7,3 milioni) andranno all'estero. La durata media del soggiorno resta stabile a 10 notti. In diminuzione, invece, la spesa media complessiva (comprensiva di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti) che passa da 869 a 838 euro (-3.57%) per un giro di affari complessivo pari a 22 miliardi di euro, in aumento del 2,2% rispetto ai 21,5 miliardi dell'estate 2016. Gli italiani in vacanza cercano soprattutto la comodità.

La tipologia di soggiorno preferita, infatti, resta quella dell'albergo. Il 27,6% lo sceglie rispetto al 27% del 2016. Seguono la casa di parenti o amici (26%), la casa di proprietà (14,4%) e l'appartamento in affitto (12,8%). Come da tradizione il mese in cui si va in ferie è agosto. Il 68,4% degli italiani (rispetto al 67,7% del 2016) lo ha scelto per la propria vacanza principale. Seguono luglio (12,5%), settembre (12,4%) e giugno (5,7%). Per le prenotazioni il 55.3% dei vacanzieri preferisce il filo diretto contattando direttamente l'alebergo mediante il sito internet della struttura (24%) o i mezzi più tradizionali come il telefono (31.3%). Diminuisce il numero delle persone che non faranno neanche un giorno di vacanza tra giugno e settembre. Si tratta del 43,1% della popolazione, pari a 24,2 milioni di individui (contro i 27,5 milioni del 2016). Si resta a casa principalmente per motivi economici (55% dei casi), per impedimenti familiari (18%) e di salute (16%), per timori legati alla sicurezza (10%) ed al lavoro (9%). Un interessante 6% dichiara invece che farà vacanza in un altro periodo dell'anno. Numeri importanti che, secondo Federalberghi, "fanno riflettere" dimostrando come l'economia del turismo continui "a creare posti di lavoro e a distribuire ricchezza nonostante i mille ostacoli disseminati sul percorso". 

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Boom vacanze in camper e caravan: alla scoperta dei borghi anti-afa

Saranno circa 1,5 milioni i turisti che sceglieranno la casa su quattro ruote. Ecco dove andare per fuggire dal caldo estivo

Estate, iniziano le prime partenze: 7,4 milioni in viaggio a giugno

L'analisi Coldiretti/Ixè. Le vacanze in questoperiodo più apprezzate anche da chi ama la tranquillità. I listini per l'alloggio e il vitto subiscono un'impennata da luglio

Venezia, protesta contro le grandi navi in laguna

Turismo, Venezia città più sovraffollata al mondo

Uno studio di Airbnb. Un turismo che si concentra in aree piccole e rischia di danneggiarle. Con l'affitto di appartamenti un impatto meno forte

Porte aperte nelle dimore storiche italiane: la giornata dell'Adsi

L'iniziativa è l'occasione per scoprire luoghi di straordinaria bellezza, spesso poco noti al grande pubblico