Martedì 12 Giugno 2018 - 11:30

Italiani a dieta per la 'prova costume': ma perdono solo tre chili

Una magra consolazione, visto che durante le vacanze se ne riprendono circa cinque

Si avvicinano le vacanze estive ed è tempo della cosiddetta 'prova costume' tanto temuta, che fa ricorrere ad esercizio fisico e alimentazione sana last minute dopo magari un anno di eccessi. Secondo un sondaggio del potente motore di ricerca di voli e hotel www.jetcost.it, gli italiani passano in media gli ultimi 5 mesi prima di partire per le vacanze cercando di perdere peso e riescono a buttare giù in media 3 chili. Peccato però che il risultato venga vanificato in pochi giorni, visto che durante le vacanze mettono su circa 5 chili.

A tutti gli intervistati è stato chiesto se erano soliti seguire una dieta prima delle vacanze e l'88% ha risposto in modo affermativo, solo il 12% ha risposto di no. A tutti coloro che hanno detto di sí, è stato poi domandato quanto tempo prima delle ferie avessero iniziato 'l'operazione bikini' e quanti chili avessero perso, e la media delle risposte è stata curiosa: 5 mesi per perdere solamente 3 chili.

Per quanto riguarda il tipo di dieta che il 45% degli intervistati ha dichiarato di aver provato, in molti hanno affermato di averne testate anche diverse, ma queste si sono rivelate le cinque più popolari:
1. Dieta a basso contenuto di carboidrati (56%)

2. Dieta a basso contenuto di grassi (39%)

3. Dieta 5:2* o dieta fast (17%) (consiste nel mangiare ciò che si vuole per cinque giorni alla settimana e nel ridurre l'apporto calorico, restando quasi a digiuno, negli altri due giorni)

4. Dieta vegetariana (10%)

5. Dieta vegana (8%)

Infine, a tutti gli intervistati è stato chiesto se durante le vacanze avessero recuperato il peso perso con la dieta e la media degli italiani ha ammesso non solo di aver ripreso i chili, ma addirittura di essere tornato a casa con circa 5 chili in più.

Un dato emerso anche in un altro recente sondaggio di Jetcost sui rimpianti degli italiani in vacanza, secondo cui l'essere ingrassati era al secondo posto, dietro solo al dispiacere per non aver avuto un flirt:
1. Non aver avuto un flirt - 65%.
2. Essere aumentato di peso - 52%.
3. Aver speso troppo - 46%.
4. Essere tornato a casa con una ferita o con lievi malesseri o disturbi - 40%.
5. Aver discusso con il partner - 38%.
6. Aver bevuto troppo - 35%.
7. Essere stato troppo severo con i figli - 27%.
8. Non essermi goduto meglio il tempo - 26%.
9. Essere stato infedele - 15%.
10. Aver discusso con un amico - 14%.

"Sembra che gli italiani passino molto tempo a preparare il corpo alla prova costume per essere belli in vacanza e che provino vari tipi di dieta, ma i dati dimostrano che il risultato finale non è così soddisfacente, ed è temporaneo: perdere in media tre chili in cinque mesi non è qualcosa di cui essere orgogliosi", ha dichiarato  un portavoce di Jetcost. "Anche se - ha continuato - come sempre, tutto dipende dall'obiettivo che ci si era prefissati. Noi di Jetcost consigliamo di fare regolarmente un po' di esercizio fisico, tutto l'anno, non solo a pochi mesi dalla partenza per le vacanze e soprattutto di non commettere troppi eccessi durante i giorni di riposo per non pentirsi al ritorno a casa".
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

A Latina i Pediatric Simulation Games. Così i pediatri imparano a salvare vite

Per cinque giorni nella città laziale si "scontreranno" le squadre di 32 scuole di pediatria da tutta Italia. Metteranno in pratica le tecniche di salvataggio su manichini elettronici. Una giuria internazionale deciderà i vincitori

Vaccini, si cambia ancora. Autocertificazione valida fino a marzo 2019

Emendamento della maggioranza al Milleproroghe. Probabilmente si vuole dar tempo alle famiglie di mettersi in regola

Vaccini, petizione Unicef: "Proteggi un bambini, proteggili tutti"

L'organizzazione Onu lancia un appello alla vaccinazione di massa: Lìallarme sugli oltre mille casi di contagio di morbillo in sei mesi in Italia

Via libera alla terapia cellulare CAR-T contro linfomi e leucemia Lla

L'annuncio di Novartis che l'ha sviluppata con l'Università della Pennsylvania. E' la prima terapia cellulare contro i tumori in Europa. Ecco come funziona