Giovedì 17 Maggio 2018 - 11:00

Iran, le sanzioni Usa aprono opportunità economiche alla Cina

E Washington rischia una costosa situazione di stallo

CHINA-US-POLITICS-TRADE

La Cina, assetata di petrolio e primo partner commerciale di Teheran, può ignorare le sanzioni Usa e rinforzare i suoi investimenti in Iran, con il rischio di una costosa situazione di stallo per Washington. Per Pechino l'accordo sul nucleare iraniano del 2015, di cui il gigante asiatico è un firmatario e da cui l'amministrazione Trump si è ritirata, è accompagnato da importanti interessi economici. Le aziende cinesi sono state coinvolte in progetti infrastrutturali per almeno 33 miliardi di dollari in Iran nel giugno 2017. Un esempio è l'ambizioso programma economico 'Silk Roads' di Pechino in Asia e oltre.

Inoltre a settembre il regime comunista ha concesso linee di credito per 10 miliardi di dollari a cinque banche iraniane per progetti infrastrutturali. A marzo i due Paesi hanno concordato un collegamento ferroviario che collegherà il porto di Bouchehr. Certamente il ritorno di sanzioni da parte Usa contro Teheran riguarderà tutte le società che operano negli Stati Uniti o in dollari. "Ma queste sanzioni, che comportano il ritiro di società americane, europee o giapponesi, possono anche aumentare le opportunità per le imprese cinesi", ha detto all'Afp l'economista dell'Università di Pechino, Hu Xingdou.

Spinto dall'oro nero, il commercio sino-iraniano è balzato del 20% nel 2017, a 37 miliardi di dollari. Il gigante cinese dell'energia Cnpc è anche impegnato con la francese Total in un contratto da 4,8 miliardi di dollari per sviluppare la fase 11 del vasto giacimento di gas iraniano Pars Sud. Tuttavia Total ha riconosciuto mercoledì che, a meno di un dietrofront statunitense, "non sarà in grado di continuare questo progetto". Il ministro iraniano del Petrolio Bijan Namdar Zanganeh ha immediatamente avvertito che se Total ritirasse, le sue azioni (50,1% del progetto) saranno assegnate a Cnpc. "Data la disputa politica commerciale tra Cina e Usa, Pechino sarà riluttante a rispettare" le sanzioni di Washington, ha osservato sulla Cnbc Victor Shum, vice presidente dell'ufficio Ihs, soprattutto dopo che il ritiro degli acquirenti europei abbasserà il prezzo del greggio iraniano, rendendolo più attraente per gli importatori asiatici.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Imprese schiacciate dalla burocrazia: al Sud fino a 15 anni per iter fallimento

L'allarme di Unimpresa: "La lentezza della giustizia civile ha un peso enorme nell'andamento del nostro Pil"

Coldiretti spinge sui voucher e avvisa: "Nei campi 345mila stranieri regolari"

L'associazione chiede anche di eliminare l'embargo alla Russia. E sull'allarme listeria: "Estendere obbligo sull'etichetta di origine dei prodotti"

Banca d'Italia - relazione del governatore di Bankitalia all'Assemblea Ordinaria

Debito a livelli record. Bankitalia: "Servono conti pubblici credibili"

Toccati i 2.327,4 miliardi. Il ministro Tria: "Calo del debito non è in discussione, ribaltare tendenza"