Mercoledì 13 Dicembre 2017 - 12:30

Il tempo migliora, scendono i fiumi e si contano i danni. In arrivo altre due perturbazioni

Ancora qualche zona in allarme rosso. Nel weekend, però arrivano pioggia, neve a bassa quota e tanto freddo

Maltempo, il fiume Enza rompe gli argini e allaga la frazione di Brescello

Il tempo migliora, il livello dei fiumi scende, ma si contano i danni, e in alcune zone del Nord resta l'allarme rosso. Mentre l'Italia si prepara a ricevere altre due perturbazioni che porteranno freddo e maltempo da Nord a Sud e colpiranno il Meridione nel fine settimana.

Le piene dei fiumi - Il livello idrometrico del fiume Po è sceso di un metro a Boretto (comune in provincia di Reggio Emilia sulle rive del grande fiume) nelle 12 ore successive alla piena di ieri, con un lento ritorno alla normalità nell'intero bacino idrografico e l'inizio della conta dei danni. E quanto emerge da un'analisi di Coldiretti, dalla quale si evidenziano milioni di euro perduti, con centinaia di ettari di campagna finiti sott'acqua, vigneti e coltivazioni di cereali e foraggio sommersi, stalle ed edifici rurali danneggiati, animali morti o dispersi, piante divelte e black out elettrici, frane e smottamenti nelle aree rurali.

 

I danni in Emilia - La situazione più difficile, riferisce la Coldiretti, è in Emilia Romagna, dove è esondato l'Enza, con allagamenti dei campi in provincia di Reggio Emilia nei comuni di Boretto e Brescello in località Lentigione. Ma l'emergenza si estende anche alle province di Parma e Modena, mentre in tutta la regione si sono verificati black out elettrici e telefonici. Danni sono stati provocati dal gelo alle coltivazioni invernali, mentre vigneti e alberi sono stati spezzati dal peso del ghiaccio. La Coldiretti ha attivato una task force per la verifica dei problemi e il sostegno alle aziende colpite. Oggi è attiva l'allerta rossa della protezione civile per rischio idraulico sulla pianura emiliana centrale e sulla pianura e bassa collina emiliana occidentale. Allerta arancione per rischio idraulico sulla pianura emiliana orientale e la costa ferrarese, in Friuli (bacino dell'Isonzo e pianura di Udine e Gorizia, bacino montano del Tagliamento e del Torre) e in Veneto.

Toscana: Stato di emergenza per 4 province e Firenze. È stato dichiarato lo Stato di emergenza regionale in Toscana per le province di Lucca, Massa Carrara, Pistoia, Prato e Firenze, a seguito all'ondata di maltempo che si è abbattuta sulla regione nei giorni fra il 9 e il 12 dicembre. La dichiarazione è stata formalizzata con la firma del decreto da parte del presidente della Regione Enrico Rossi. Il decreto - che ha compreso anche le province di Pistoia, Prato e la Città metropolitana di Firenze oltre alle due, precedentemente individuate, di Lucca e Massa Carrara - parte dalla constatazione del fatto che, nelle zone interessate dall'emergenza, si sono verificate, a seguito delle eccezionali precipitazioni, del forte vento e delle mareggiate, interruzioni di viabilità, frane e problemi al reticolo idraulico minore, con interruzione di servizi pubblici e dei collegamenti con le isole, danni a strutture pubbliche e private.

Loading the player...

Perturbazioni - La perturbazione in transito sull'Italia si sta lentamente spostando verso Sud e mercoledì porterà piogge sparse sulle regioni meridionali, mentre al Nord quasi dappertutto tornerà a farsi vedere il sole. La tregua però durerà poco, perché nella seconda parte della settimana giungeranno velocemente da ovest due nuove perturbazioni che, spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo, dovrebbero risultare più attive inizialmente sulle estreme regioni di Nordest e sul versante tirrenico della penisola, per poi interessare maggiormente il Sud durante il fine settimana. Arriveranno quindi nuove piogge, anche di forte intensità, specie venerdì sul Centro Italia, con nevicate fino a quote piuttosto basse sui rilievi. Al seguito della perturbazione numero 5 del mese arriverà aria molto fredda di origine artica che provocherà un sensibile calo termico soprattutto a partire da domenica.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grosseto, uomo spara in strada a Follonica dopo lite: un morto e 2 feriti

Monza, spara alla moglie per strada e poi si costituisce: la donna è morta

L'uomo è sceso dall'auto e ha esploso i colpi contro la 35enne che camminava in strada a Bovisio Masciago

Renato Vallanzasca si reca a lavoro presso la Neco srl di via Roma 1

Vallanzasca chiede libertà condizionale. Il carcere di Bollate: "È molto cambiato"

La richiesta del bandito della mala milanese, condannato a 4 ergastoli. L'equipe di osservazione e trattamento del penitenziario: "Concedetegliela"

Bergamo, truffa su impianti sciistici: ai domiciliari due sindaci

I primi cittadini di Foppolo e Valleve a capo di un sistema criminale costruito per percepire indebitamente contributi regionali

Milano, vermi nella marmellata alla mensa scolastica. Indignazione sul web

La denuncia dell'associazione Pranzo da casa su Facebook